Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Argentina in festa per i play off e Calabria lascia il Derthona

Per i rossoneri la festa allo Sclavi, per il mister dei piemontesi l'addio

Più informazioni su

Arma di Taggia. Lo Sclavi trasformato in una bomboniera per la grande festa dell’Argentina,  ma su una panchina dello stadio si celebrerà un altro capitolo: l’addio di mister Carlo Calabria dopo aver condotto ad una tranquilla salvezza il Derthona.

L’allenatore domani sarà ancora lì a guidare la squadra, ma sarà la sua ultima volta. Per lui il rapporto con patron Riccardo Sonzogni finisce qui. “Ero stato chiamato al Derthona per un progetto biennale: il primo anno sarebbe stato di assestamento per puntare alla salvezza, come abbiamo fatto, ma dopo l’obiettivo avrebbe dovuto essere la zona playoff. Ora invece non è più così. Dal momento che il progetto non è più lo stesso, mi ritengo libero di fare altre scelte. Sono stato chiaro fin dall’inizio”.

Sonzogni è tutt’altro che preoccupato per la rottura con Calabria: “Gli obiettivi del Derthona non cambieranno, cambierà il metodo per raggiungerli. Si spenderà meno rispetto alle previsione, ma organizzeremo una squadra d’alta classifica. Il budget di spesa non sarà alto ma questo non influirà sulla qualità dei giocatori. Certo, privilegeremo elementi giovani ma comunque forti”.

Capitolo Calabria chiuso, liberi tutti. Ma non l’Argentina che con quel Nicola Ascoli da Vibo Valentia ha ritrovato smalto e sorriso. Ha costruito un’armata capace di scardinare le difese più ostiche soprattutto in trasferta. Punti messi in saccoccia che hanno lanciato i rossoneri sul trampolino dei play off, altra favola del calcio decisamente più gioiosa rispetto a quella di Carlo Calabria.

L’Argentina che, in caso di promozione giocherà al Comunale di Sanremo, prepara la sua festa di domani (domenica 8 maggio) alle 15 allo Sclavi. Poi c’è la trasferta in Lombardia. Ma per i rossoneri di Del Gratta sarà poco più che una passerella perché le jeux sont fait e c’è da pensare ai play off.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.