Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Sanremo l’omaggio alla zarina del maestro Kantarov

Sabato 7 maggio sul Lungomare Imperatrice

Sanremo. L’omaggio della prestigiosa Orchestra “Klassika” di San Pietroburgo diretta dal maestro Kantarov alla zarina, l’Imperatrice Marija Aleksandrovna, previsto per sabato 7 maggio sul Lungomare Imperatrice (giardini retrostanti la statua della Primavera), proprio nei pressi del busto della zarina (inizio alle 11).

E’ un evento che si inserisce nel rapporto di collaborazione tra Sanremo e San Pietroburgo e che si svolge all’indomani della presentazione della firma del protocollo d’intenti tra Sanremo e il Comitato per la Cultura della Città di San Pietroburgo avvenuta alla presenza di Marat Pavlov, Console Generale della Federazione Russa a Genova.

Il concerto, organizzato dall’Assessorato alla cultura, turismo e manifestazioni, si avvale del supporto della Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo.

L’Orchestra Sinfonica Statale di San Pietroburgo “Klassika” è stata fondata all’inizio degli anni Novanta e in poco tempo è diventata una delle orchestre più note di San Pietroburgo, riconosciuta sia dalla critica che dal pubblico.

Un appuntamento, quello del concerto all’aperto di domani mattina, che vuole rafforzare i legami esistenti tra Sanremo e la Russia, legami che affondano le radici nell’Ottocento.
Corso Imperatrice prende proprio il nome dalla zarina Maria Aleksandrovna, moglie di Alessandro II che inaugurò la consuetudine dei soggiorni in riviera dei russi, trascorrendo a Sanremo l’inverno tra il 1874 ed il 1875.

In segno di riconoscenza fece dono alla città che la ospitò dei palmizi per il lungomare e le autorità le dedicarono il viale, chiamandolo, appunto, corso Imperatrice.
Sull’esempio della zarina, l’aristocrazia russa cominciò a trascorrere le stagioni invernali a Sanremo, e così anche i membri della casa imperiale.

Da qui si intensificarono sempre più le presenze dei russi e si sentì la necessità di destinare un luogo di culto per la numerosa comunità locale di fede ortodossa, come testimonia la Chiesa Russa, oggi simbolo della vocazione internazionale della nostra città nell’Ottocento e per la cui illuminazione notturna il Comune di Sanremo si è reso disponibile a farsi carico delle spese.

Il concerto di domani è a ingresso libero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.