Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ventimiglia, “Spostare i migranti in casa d’altri non è la soluzione”

La rabbia di Luigi De Chicchis e dei residenti di Bevera che, in primis, hanno promosso la raccolta firme per far chiudere il centro in stazione

Ventimiglia. E’ scontro tra cittadini per la richiesta dei residenti di piazza Cesare Battisti: “Spostare i migranti a casa degli altri non è una soluzione, ma un atto di individualismo totale che manifesta una mancanza di rispetto nei confronti degli altri”.

Luigi De Chicchis, ideatore di Libera…Mente per Ventimiglia, prende la parola a nome dei residenti di Bevera, dove abita.
E’ stato lui che, pur non essendo toccato personalmente dai disagi vissuti da chi abita nei pressi del centro di accoglienza temporaneo per migranti allestito in stazione, ha combattuto in prima persona perché questo venisse smantellato.

“E ora? Dopo aver raccolto firme e promosso una petizione per far chiudere il centro cosa mi ritorna indietro?”, dichiara De Chicchis, “Il signor Silvio Perrone scrive ad Alfano per far spostare i migranti al Parco Roja, sotto casa mia”.
“Nonostante negli anni scorsi io mi sia preso del razzista e del fascista per aver manifestato le difficoltà di avere a due passi da casa una struttura preposta ad accogliere i migranti”, racconta De Chicchis, “Ho voluto fare qualcosa per i residente del centro. Anche loro, seppur in passato mi avessero tacciato di essere insensibile nei confronti di queste persone che fuggono dai loro paesi, ora si ritrovano in una situazione analoga a quella vissuta da me, dalla mia famiglia e dai tanti residenti di Bevera. Per questo motivo, credendo di fare il bene della città tutta, ho lanciato una raccolta firme sul mio gruppo facebook, sostenuto da Massimo Morabito e Marco Delsignore”.

“Temo però che il signor Perrone abbia manifestato una enorme carenza logica e una palese provocazione, oltre alla mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini residenti a Bevera”, aggiunge Luigi De Chicchis, “Inviando una vergognosa proposta a più enti. Questo è il modo di comportarsi di alcuni cittadini di Ventimiglia: fregarsene degli altri e pensare solo a se stessi. Un comportamento sbagliato e altamente deleterio per la città tutta”.

A far rabbia a De Chicchis e agli abitanti di Bevera è la mancanza di sensibilità nei confronti proprio di chi ha voluto contribuire alla causa dei residenti di piazza Battisti: “Ma come, noi abbiamo promosso la petizione e loro cosa fanno? Una raccolta parallela chiedendo che il centro migranti venga spostato da casa loro a casa nostra! Siamo all’assurdo. Non mi aspettavo un grazie, ma almeno avrebbero potuto evitare di fare una richiesta del genere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.