Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Trivelle, M5S: “vergognosa strumentalizzazione delle urne. Esito referendum sconfitta per la democrazia”

Il MoVimento 5 Stelle Liguria risponde a Paita

Liguria. “Paita e il Partito Democratico cavalcano politicamente l’esito delle urne, spacciando per vittoria quella che è una sconfitta democratica del paese, in linea con il proprio leader nazionale che, invitando all’astensione, ha compiuto un reato penale”.

Così Alice Salvatore e Marco De Ferrari, portavoce del MoVimento 5 Stelle Liguria, replica alle parole del capogruppo Pd in Regione sul referendum sulle trivelle di ieri.

“È incredibile come la consigliera regionale strumentalizzi una questione così delicata e decisiva per lo sviluppo economico di questo paese, derubricandolo irresponsabilmente a mero giochino politico – spiega Salvatore – Il tutto mentre, in queste ore, a urne ancora aperte, sul Polcevera si sono riversati migliaia di litri di idrocarburi che inquinano il fiume e il nostro mare”.

“A differenza di Paita e i suoi – continua Salvatore - guardiamo con grande speranza agli oltre 15 milioni di cittadini che, votando (e l’86% ha votato SÌ), hanno inviato un messaggio chiaro a Renzi e alle lobby del petrolio, difendendo il diritto a un futuro di mari puliti, energie rinnovabili, efficienza energetica, turismo sostenibile e quindi benessere.

Lo hanno fatto spalleggiando 8 mesi di totale disinformazione su questo referendum, sfidando il Governo di Trivellopoli e un ex Presidente della Repubblica che, violando l’articolo 48 della Costituzione, ha invitato all’astensione”.

“Per far saltare il referendum – aggiunge De Ferrariil Partito Democratico (il Partito Disertore delle urne) ha fatto leva sull’astensione cronica e, purtroppo, ormai fisiologica, in Italia stabile ormai al 40%. In realtà il quorum del 50% più uno degli aventi diritto ormai è mera utopia.

In realtà il quorum del 50% più uno degli aventi diritto ormai è mera utopia (oltreché un’eccezione a livello europeo, e non la regola). La scelta precisa di non accorpare questo referendum alle amministrative poi ha fatto il resto, ed è costata agli italiani 300 milioni di euro, solo per il capriccio di Renzi di volerlo affossare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.