Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Anche gli istituti di ricerca in agricoltura russi interessati alla coltivazione della Cipolla Egiziana dell’estremo ponente ligure foto

Trovato forse l'anello mancate sulla reale origine della cipolla egiziana ( Allium cepa viviparum)

Liguria. Trovato forse l’anello mancate sulla reale origine della cipolla egiziana ( Allium cepa viviparum) . “R&B Agricoltura” in questi anni ricchi di iniziative mirate a favorire una promozione capillare della biodiverstità e del recupero della cipolla egiziana non ha mai smesso ricercare le caratteristiche e particolarità che questo ortaggio ha rappresentato per il territorio dell’estremo ponente ligure ma anche a livello nazionale e internazionale.

“E’ notizia recente e di particolare rilevanza – interviene Marco Dameleche anche in Russia sono molto interessati alla riscoperta da parte di decine di agricoltori e hobbisti liguri di questa antica coltivazione.

Il VNIISSOK – All-Russian Research Institute of breeding and seed vegetable crops di Mosca (uno tra gli istiuti di ricerca in agricoltura più antichi della Russia) considera la coltivazione della cipolla egiziana in Liguria, come un progetto a lungo termine non solo per l’uso negli orti privati, ma anche sui terreni industriali perché permette di raccogliere le parti vegetali ed anche i bulbi di ottima qualità tutto l’anno e in quantità superiore della classica cipolla d’inverno (Allium fistulosum).

Gli sperimenti nei laboratori di ricerca dell’istituto dimostrano che la cipolla egiziana sopravvive al freddo fino al – 45 C . Fra altri suoi vantaggi evidenti è che la cipolla egiziana è perenne e germina bene anche nelle condizioni di poca luminosità e non necessita di un periodo di riposo ,quindi, appena piantata, quasi dovunque, inizia a crescere e produrre. Anche nei terreni russi la cipolla egiziana è coltivata con successo sopratutto in Siberia e nell’Estremo Oriente“.

“Gli studiosi della MTAA (Moscow Timiryazev Agricultural Academy), l’Università statale di agraria e il professore Alexey Maslov (Ph.D. Professor Head of the School of Asian Studies, National Research University – Higher School of Economics under Government of Russia)  – termina Damele – confermano inoltre che i materiali classici di antropologia mostrano la Cina, l`Asia occidentale, l`Asia centrale e una parte dell`Asia meridionale come luogo d’origine di questo bulbo”.

Per informazioni sulla coltivazione o per ricevere le piante scrivere all’indirizzo mail regaloebarattoinagricoltura@gmail.com.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.