Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Emergenza petrolio, gli operatori turistici: “Mare continuamente minacciato da fattori esterni”

L'onda nera spinta dalle correnti da levante a ponente, imprenditori turistici con il fiato sospeso

Imperia. Un’onda nera che si allunga dalle coste genovesi a quelle della Riviera di Ponente. Litorali in pericolo e soprattutto imprenditori turistici e pescatori preoccupati per le conseguenze dell’inquinamento marino provocato dalla fuoriuscita del greggio dalla condotta della Iplom di Busalla.

Va precisato che Imperia sta vivendo in uno stato di attenzione e non di emergenza. Vero anche che Imperia, per il gioco delle correnti che scorrono verso la Francia e la Spagna, probabilmente rimarrà al di fuori dell’onda nera. Come è successo a Bergeggi e Finale Ligure c’è Capo Berta e più in là altri promontori a proteggere la costa.

Nel frattempo un appello “a non drammatizzare” arriva da Gianni Berrino, assessore al turismo della Regione Liguria. “Ad ora non abbiamo notizia di inquinamento sulle spiagge e stiamo lavorando assieme a Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Città Metropolitana e Iplom per minimizzare i rischi e proprio oggi si stanno montando le barriere oceaniche – avverte Berrino – che anche in caso di piogge dovrebbero fermare i flussi provenienti dal Polcevera. Situazioni di allarme oggi non ce ne sono, anche se l’attenzione deve essere altissima”.
La richiesta, quindi, è quella di non mandare messaggi negativi, che possano influire sull’avvio della stagione turistica. “La prima campagna informativa e’ quella di dare i dati come sono, e a oggi non abbiamo nessun problema sulle spiagge e nelle zone costiere turistiche. Se ci sarà necessità – conclude Berrino – siamo comunque pronti a promuovere una campagna mediatica per tranquillizzare chi ha già prenotato e convincere il mercato degli indecisi a venire in Liguria”.

“Per fortuna non è successo nulla anche se stiamo seguendo con particolare attenzione la scia di greggio che si è spostata dal Polcevera verso ponente – afferma Enrico Schiappapietra, presidente regionale del Sindacato Balneari Italiani - Nel Savonese, fortunatamente, non ci sono stati grossi problemi perché l’onda, spinta dalla corrente, ha superato il promontorio di Bergeggi, quello di Finale Ligure per poi allungarsi fino a Capo Mele. Speriamo che ora possa spingersi ancora più al largo risparmiando la Riviera dei Fiori, ma è chiaro che la situazione resta delicata”.

E mentre la Capitaneria di Porto di Imperia ha mobilitato battelli e gommoni per seguire l’evolversi della situazione anche Americo Pilati, presidente provinciale e regionale di Federalberghi Liguria, segue l’emergenza petrolio. “Chiariamolo subito: non ci troviamo di fronte ad un caso Haven, certo comunque che il nostro mare è continuamente minacciato da terzi e tutti sanno che questa è una risorsa importante per la nostra industria turistica e quindi va tutelata. Questa volta è toccato alla Iplom, 25 anni anni fa la petroliera cipriota. Quale altro evento ci dobbiamo aspettare? La nostra Riviera, già alle prese con previsioni meteo sbagliate con molte disdette per il ponte del 25 aprile, ora deve fare i conti con un danno d’immagine piuttosto pesante come quello che sta vivendo la Liguria in questi giorni. L’emergenza petrolio di Busalla deve farci riflettere su come tutelare meglio le nostre risorse naturali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.