Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Triora una giornata per la tutela degli alberi monumentali

"La Sardegna e' stata la prima a presentare la lista, bene Abruzzo, Val D'Aosta, Piemonte, Veneto, Liguria, Emilia Romagna. Meno complete le liste di Lazio e Puglia. La Toscana e' frenata dalla burocrazia. Regioni come la Campania e la Sicilia sono decisamente indietro"

Più informazioni su

Triora. Triora, il “paese delle streghe”, diventa il simbolo per rilanciare l’istituzione dell’elenco italiano degli alberi monumentali. Sabato prossimo il piccolo borgo ligure in provincia d’Imperia dedichera’ un’intera giornata alla difesa dei “patriarchi” del verde, mentre tanti Comuni italiani stanno rallentando l’iter per il nuovo censimento, come evidenzia il Corpo forestale dello Stato.

Sotto due ippocastani “storici” esperti e amanti degli alberi discuteranno come conciliare esigenze agronomiche e normative di salvaguardia delle piante, con prove pratiche di potatura in tree climbing. Il nuovo censimento degli alberi monumentali (il primo e finora unico risale al 1982) e’ tema attualissimo. Le nuove leggi per gli alberi monumentali prevedono una sanzione da 5 mila a 100 mila euro se vengono abbattuti o se ne modificano
chioma e radici (salvo per casi motivati).

I responsabili del Corpo Forestale dello Stato hanno appena incontrato le Regioni per avere i nominativi degli alberi monumentali da pubblicare
nel nuovo elenco nazionale. “Siamo work in progress, purtroppo registriamo problemi per la scarsa sensibilita’ di molti Comuni, in tutt’Italia, che frenano nell’istruire gli iter amministrativi per vincolare gli alberi e tutelarli – commenta Angela Farina, responsabile del monitoraggio ambientale del
Corpo forestale dello Stato – Meta’ delle regioni ha presentato elenchi piu’ o meno completi, le altre sono decisamente piu’ in ritardo”. Farina spiega:

“La Sardegna e’ stata la prima a presentare la lista, bene Abruzzo, Val D’Aosta, Piemonte, Veneto, Liguria, Emilia Romagna. Meno complete le liste di Lazio e Puglia. La Toscana e’ frenata dalla burocrazia. Regioni come la Campania e la Sicilia sono decisamente indietro”. La responsabile della Forestale precisa: “Le difficolta’ non nascono dalla burocrazia, il Corpo Forestale ha semplificato molto le procedure e assiste gli enti da vicino.

Procedure semplici, che valorizzano gli alberi e il territorio. In futuro tra l’altro potrebbero esserci fondi per la tutela”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.