Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Notte di tensione al carcere, SAPPe: “Situazione irreversibile. Si dimetta il Comandante”

Due detenuti italiani, che già nei giorni scorsi avevano dato origine a continue risse e minacce alla poliziotto di turno, verso le ore 24 hanno iniziato a demolire la cella per poi incendiarla

Più informazioni su

Sanremo. Le parole di SAPPe riguardo alla notte di tensione che si è svolta nel carcere di Sanremo“Non più di qualche giorno fa avevamo annunciato lo stato di agitazione della Polizia penitenziaria di Sanremo in quanto l’istituto era in uno stato di gestione confusionale, chiedendo l’allontanamento dell’attuale Direttore e del Comandante, quali veri e diretti responsabili.

Questa notte c’è stato un vero inferno all’interno dei reparti detentivi – testimonia il SAPPe - due detenuti italiani, che già nei giorni scorsi avevano dato origine a continue risse e minacce alla poliziotto di turno, verso le ore 24 hanno iniziato a demolire la cella per poi incendiarla, ottenendo l’apertura della cella, minacciando ulteriori azioni ancora più violente. Temendo per il peggio è stato disposta l’apertura della cella per raccogliere le motivazioni della loro protesta.

Qui è successo l’inverosimile – continua il SAPPe - i due detenuti avevano delle armi rudimentali prodotte con delle lamette ed hanno cercato di aggredire prima un agente, per fortuna senza nessuna conseguenza, poi hanno seminato disordine nei corridoi del reparto detentivo senza farsi avvicinare da nessuno, sino a quando, dopo circa 5 ore di trattative con il personale di Polizia Penitenziaria, si sono arresi.

Questo episodio non può essere tralasciato o definito normale. E’ ora che si intervenga verso il Comandante che nulla fa a sostegno della sicurezza del carcere di Sanremo che è definibile senza guida, anzi dovrebbe essere lui stesso a rendersi conto ed a dimettersi.

Ricordiamo – continua il SAPPe – i giornalieri episodi di turbamento alla vita normale del penitenziario che ha già raggiunto la presenza di 250 detenuti a fronte di una capienza di 200 posti circa.

Questa mattina il SAPPe ha riunito il personale di Sanremo in assemblea dalla quale è emersa la richiesta di alternare il comandante definito troppo assente e poco interessato all’incolumità del personale – riferisce il SAPPe matuziano – nel 2015 è stato contraddistinto da ben 372 eventi critici tra questi 49 minacce o azioni contro la Polizia Penitenziaria, 1 detenuto suicida, le quasi 50 manifestazioni di protesta collettiva, 18 aggressioni, 137 atti di autolesionismo, 23 celle danneggiate, 3 incendi dolosi ed il 2016 è già iniziato nei peggiori dei modi collocando Sanremo al 2° posto tra gli istituti liguri con maggior numero di eventi critici. A tutto questo risponde l’inerzia dei vertici.

E’ dimostrabile la gestione fallimentare dell’istituto – continua il SAPPe matuziano – più volte da noi denunciata e non può passare inosservato all’attenta valutazione del Ministro Andrea ORLANDO.

Abbiamo iniziato lo stato di agitazione ed il personale è pronto a scendere in piazza –conclude il SAPPE - se l’Amministrazione Penitenziaria e il Ministro ORLANDO non ascolteranno la nostra richiesta ovvero il ripristino delle regole e della legalità nell’istituto penitenziario di Sanremo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.