Giovane coppia sanremese con in casa più di tre chili e mezzo di “erba”: lei assolta e lui condannato a un anno e quattro mesi foto

Imperia. Si è tenuto oggi in tribunale il processo in rito abbreviato a carico di una coppia di giovani sanremesi. Si tratta del 20enne Domenico Ceravolo e della 24enne Denise Palma, entrambi accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Lei è stata assolta ma lui, che si è sempre “accollato” la droga rinvenuta, è stato condannato dal giudice Massimiliano Rainieri a un anno e quattro mesi (pena sospesa). Il legale di Ceravolo era l’avvocato Luca Ritzu, mentre di Palma Andrea Artioli.

L’ARRESTO DEL 7 NOVEMBRE SCORSO

Nel pomeriggio i Carabinieri del Nucleo Operativo hanno effettuato un blitz in un appartamento in zona Borgo ed hanno tratto in arresto una coppia di giovani.

L’operazione è stata portata a termine nell’ambito dell’attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti che i Carabinieri della Compagnia matuziana, agli ordini del Capitano Paolo De Alescandris, stavano conducendo nelle zone “sensibili” della città.
A finire nella rete dei Carabinieri del Nucleo Operativo era stata una coppia di giovani. Entrambi erano stati tratti in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il blitz è stato effettuato tra la tarda mattinata e il primo pomeriggio , quando i militari dell’Arma hanno fatto irruzione nell’abitazione dove viveva la coppia.
A seguito di perquisizione domiciliare, i due sono stati trovati in possesso di un vero e proprio deposito di sostanze stupefacenti all’interno dell’appartamento.
Più di 30 involucri di grosse dimensioni e del peso di oltre 100 grammi ognuno con all’interno cannabis indica già lavorata, essiccata e posta sottovuoto. Il peso totale della sostanza stupefacente sequestrata è pari ad oltre 3 Kg e 600 grammi.

Ma non solo, all’interno dell’appartamento c’era tutto il necessario per l’attività di confezionamento della sostanza stupefacente. I Carabinieri hanno infatti sottoposto a sequestro numerosi sacchetti in plastica dello stesso tipo di quelli contenenti la droga, un grinder, due bilancini di precisione e una macchina utilizzata per mettere sottovuoto la sostanza stupefacente.

I Carabinieri hanno sequestrato anche oltre 600 euro in contanti ritenuti provento dell’attività di spaccio.