Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“G.M. Spa. Non c’è pace per le partecipate”: intervento del Comitato Cittadino della Legalità

"Non si comprende come la G.M. Spa possa rimanere fuori dalla suddetta disposizione legislativa"

Diano Marina. “Per l’ennesima volta il Legislatore è intervenuto per regolamentare la razionalizzazione, con eventuale dismissione, delle società per azioni partecipate qualora non esercitino funzioni necessarie per i fini istituzionali.

Lo ha fatto con decreto legislativo inserito nel più vasto piano di riforma della pubblica amministrazione (cosiddetto decreto Madia). La nuova normativa che abroga in parte quella prevista dalla legge finanziaria 2014 appare più precisa e restrittiva. A nostro parere la G.M. spa del comune di Diano Marina rientra nella casistica prevista dalla suddetta normativa.

L’Amministrazione, con delibera di Consiglio ha inteso salvare la G.M. Spa dalla tagliola della dismissione facendo proprio un parere legale di parte che così conclude: “ essendo la G.M. Spa una società in house ,sarebbe esclusa dall’applicazione della razionalizzazione prevista dall’art. 1,comma 611 e segg. della legge 190/2014”
Questa soluzione non è per noi condivisibile, perché le cosiddette società in house non sono indicate dalla normativa, ma costituiscono una classificazione dottrinale per indicare quelle società la cui partecipazione dell’ente pubblico è totalitaria. Il recente decreto legislativo non usa la dizione “società in house”, ma stabilisce che le disposizioni del decreto riguardano la gestione in società a totale o parziale partecipazione azionaria diretta o indiretta, avendo riguardo alla tutela e promozione della concorrenza e del mercato , nonché alla razionalizzazione e riduzione della spesa pubblica.

Non si comprende come la G.M. Spa possa rimanere fuori dalla suddetta disposizione legislativa. Il giudizio dovrà comunque fornirlo la Corte dei Conti, l’Antitrast e l’Osservatorio sui pubblici servizi presso palazzo Chigi.”

Comitato Cittadino della Legalità

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.