Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Violenze e abusi su bambine: in manette pedofilo bulgaro ricercato in tutta Europa foto

E' stato arrestato dagli agenti della Polizia di Frontiera

Ventimiglia. Si è macchiato di uno dei peggiori crimini che possano esistere: abusi sessuali su bambine per avviarle alla prostituzione. Per questo la Bulgaria, suo paese d’origine e teatro di quelle orribili violenze, ha emesso un mandato di arresto in ambito europeo, affinché potesse essere arrestato ovunque, qualora rintracciato.

Angel Asenov Mihaylov, cittadino bulgaro di soli 30 anni, controllato dagli Agenti all’atto del suo arrivo in città al suo ingresso in territorio nazionale con un treno regionale proveniente dalla Francia .

Il nominativo in banca dati nazionale sembrava apparentemente in regola, ma l’esperienza e la professionalità acquisite dalla specialità della Polizia di Stato, hanno portato gli agenti ad accertare compiutamente l’identità, accompagnandolo negli Uffici di piazza Libertà, dove veniva sottoposto a rilievi foto dattiloscopici e successivi approfondimenti con riscontri incrociati in ambito internazionale.

Le indagini con circostanziate e specifiche ricerche e riscontri nelle banche Dati Schengen (S.I.S.), facevano emergere il mandato di arresto europeo ex L.69/2005 , emesso dalla Bulgaria per i reati di tratta di esseri umani, sfruttamento della prostituzione minorile e truffa aggravata, per una pena restrittiva importante, ovvero: 18 anni di reclusione.

Tramite apposito Ufficio del Ministero dell’Interno –Direzione della Polizia Criminale, si apprendeva che Mihaylov, nel 2009, in differenti date e circostanze , sottoponeva tre ragazzine bulgare,poco più che bambine, a pratiche sessuali contro la loro volontà, comprando il loro silenzio dietro finte promesse di benefici che in realtà non sarebbero mai avvenuti. Con ogni probabilità la vera intenzione del Mihaylov riguardava un disegno criminale ancora più squallido e crudele ovvero l’induzione alla prostituzione ed il coinvolgimento delle stesse nella produzione di immagini pornografiche.

Inoltre, nel 2007, in concorso con altri, Mihaylov si spacciava per un agente di collocamento, proponendo lavoratrici per posti di lavoro in Grecia in cambio di compensi di svariate migliaia di euro, ma, una volta incassati i soldi, faceva rientrare in Bulgaria le stesse lavoratrici, sue complici truffando così ingenui imprenditori.

Dopo le attività di competenza veniva accompagnato presso la Casa Circondariale di Sanremo a disposizione della corte d’Appello competente per la successiva estradizione in Bulgaria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.