Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Conti: “il mio sarà un Festival pop”

Inizialmente si era parlato di Piero Chiambretti: "Non era possibile perche' fra poco parte con un suo programma su Mediaset".

Più informazioni su

“Il filo conduttore del mio Sanremo sara’ il pop. Il nostro intento e’ mettere tutta la famiglia
davanti al televisore, come fa Sanremo da 66 anni. La tv intellettuale non saprei farla. Uno che fa il centrocampista non puo’ giocare da attaccante e chi fa il portiere non fa il terzino. Cerco di fare al meglio quello che e’ il mio mestiere: il conduttore d’intrattenimento”. Cosi’ Carlo Conti, sul numero
di Chi in edicola da domani, presenta il suo Festival.

“Ci sono alcuni artisti in gara che vengono dai talent, ma considerare Elio e Morgan come talent solo perche’ hanno fatto i giudici mi sembra eccessivo, cosi’ come Ruggeri. Il talent e’ una realta’ del
mercato e sarebbe assurdo trascurarla. Certo, poi chi viene da li’ deve meritare di stare sul palco di Sanremo”.

Su Marco Carta, che si e’ detto “deluso” da Conti per la sua esclusione, mentre e’ stato scelto Valerio Scanu, il conduttore dice: “Carta non e’ stato cattivo, capisco la sua amarezza (…).

Si vede che il brano di Carta non ci ha convinti! Magari era la ventunesima scelta, mentre il brano di Scanu e’ stato considerato. Voglio dire che le canzoni sono il primo criterio di scelta perche’ Sanremo e’ la festa della canzone, non dei cantanti”.

Su Checco Zalone, che ha rifiutato l’invito per evitare polemiche sul suo eventuale cachet, pagato con soldi pubblici, Conti precisa: “Voglio chiarire che gli ospiti non sono pagati con denaro pubblico. Il Festival si ripaga con gli sponsor e porta soldi alle casse della Rai (lo scorso anno 5 milioni di utile, ndr).

E’ un’occasione per finanziare la tv pubblica”. Su Virginia Raffaele: “Deve incuriosire, l’ho chiamata per questo! La sua ironia spiazzante potra’ spezzare la liturgia del Festival (…). Cerco sempre di seguire tutto, ma non ci sara’ censura anche perche’, se blocchiamo l’ironia, abbiamo finito”.

Quest’anno ritorna, dopo otto anni, il Dopofestival. “Abbiamo risparmiato da una parte per avere i soldi da destinare al Dopofestival. Ci tenevo molto e anche il direttore di Raiuno, Giancarlo Leone, mi ha aiutato. E poi, per la conduzione abbiamo utilizzato risorse interne, come Nicola Savino e la Gialappa’s”.

Inizialmente si era parlato di Piero Chiambretti: “Non era possibile perche’ fra poco parte con un suo programma su Mediaset”.

Quanto al possibile ritorno di Paolo Bonolis in Rai, Conti dice: “Piu’ giocatori forti ha una squadra e meglio e'”. Anche a Sanremo, di cui Conti sara’ direttore artistico per contratto anche l’anno prossimo? “Certo, bisogna vedere se Paolo mi vorrebbe! Ma tra noi c’e’ molta stima, si potrebbe fidare o si potrebbe fare insieme”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.