Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Torna a crescere il reddito pro capite dei liguri, in regione Imperia penultima dopo Spezia

Il capoluogo traina la crescita del reddito disponibile pro capite che varia da 0,8% a 0,9% del 2015, attestandosi a 21,757 euro. Aumentano anche i redditi delle provincie di Savona (20,235 euro); La Spezia (18.030 euro): Imperia (18,970 euro)

Più informazioni su

Nel 2015 ritorna a crescere il reddito pro capite della regione Liguria salendo a 20,579 euro,
(+ 2,441 del dato nazionale).

Il capoluogo registra la cifra migliore (21,757 euro) posizionandosi al di sopra della media italiana.
Genova incrementa del + 18,2% l’acquisto di auto nuove e del 13,6% il comparto dei motoveicoli. Trend positivo anche per la quota di spesa destinata ai beni durevoli di tutte le famiglie liguri
con incrementi che raggiungono il 6,5%.

Questi sono i principali risultati della ventiduesima edizione dell’Osservatorio di Findomestic Banca sul consumo di beni durevoli in Liguria, presentato oggi a Torino presso Hotel Principi di Piemonte.

Gli acquisti dei beni durevoli registrano un incremento in tutte le provincie: Genova (6,5%); Imperia (8%); Savona (6,6%); La Spezia (5,2%)
La spesa complessiva per i beni durevoli riscontrata in Liguria è stata pari a 1,523 milioni € (+6,5% rispetto all’anno precedente), su un totale nazionale pari a 54,580 milioni €.

I settori di spesa

• Auto e moto – Trend positivo per il settore delle auto nuove che segnano un incremento del 19% rispetto al 5,1% registrato l’anno precedente. Aumenta anche la spesa prevista (408 milioni di euro) a confronto dei 343 milioni di euro del 2014. Quadro positivo anche per il comparto dei motoveicoli sia in relazione ai consumi che si attestano a +12,3% (3,8% nel 2014), sia in merito alla spesa (86 milioni di euro). Leggera flessione invece per il comparto delle auto usate che da 6,1% scende a 4,7%.

• Mobili – Si registra una leggera flessione per il settore dei mobili da 0,9% del 2014 a 0,7% del 2015. Costante si mostra invece la spesa che si attesta a 326 milioni di euro.

• Elettrodomestici – Aumenta il segmento degli elettrodomestici grandi e piccoli che vedono incrementare i consumi dal 4,4% al 5,6% del 2015. Contestualmente cresce anche la spesa delle famiglie liguri che si attesta a 135 milioni di euro. Si dimostrano in controtendenza col mercato degli elettrodomestici i prodotti dell’elettronica di consumo, che invece registrano una flessione del 10% circa.
• Prodotti Informatici – Quadro positivo per il settore dell’Information Technology che vede aumentare i consumi da -6,3% a -4,2%. Leggera flessione invece per la spesa finalizzata all’acquisto dei prodotti informatici che si attesta a 62 milioni di euro.

Le province
Il capoluogo traina la crescita del reddito disponibile pro capite che varia da 0,8% a 0,9% del 2015, attestandosi a 21,757 euro. Aumentano anche i redditi delle provincie di Savona (20,235 euro); La Spezia (18.030 euro): Imperia (18,970 euro).

Complessivamente il dato della regione Liguria mostra un incremento che va da 0,6% del 2014 a 0,7% del 2015.
Trend favorevole per il settore delle auto nuove. Il settore vede esplodere i propri consumi che a Genova passano da 6,7% dello scorso anno a 18,2% del 2015. Aumenta contestualmente anche la spesa prevista che tocca quota 219 milioni di euro rispetto ai 185 previsti per il 2014. In linea col trend genovese anche le provincie di Imperia (+24%); La Spezia (15,8%) e Savona (21,3%) incrementano i propri dati.

Incrementano anche i consumi del mercato dei motoveicoli che in tutte le province liguri riportano un segno positivo. Genova si attesta al 11,7 % con una spesa familiare di 120 euro (105 euro era la quota prevista nel 2014); Imperia registra il 14,3%; Savona (11,5%) e La Spezia (1%).
Il mercato dell’usato evidenzia invece una leggera flessione: Genova scende al 5,7%; Savona 3,5%; La Spezia 1,9% e Imperia 5,2%.

Lieve crescita per il comparto dei mobili nelle provincie di: Imperia (2,8%) e La Spezia (1%). Costante è il dato registrato a Savona (0,5%) mentre si dimostra in leggera flessione il capoluogo che varia da 1,8% del 2014 a 0,2% attuale. Trend complessivamente positivo per la spesa delle famiglie liguri: Genova (420 euro); Savona (405 euro); La Spezia (443 euro) e Imperia (412 euro).

Quadro positivo in tutte le provincie per i beni del segmento degli elettrodomestici grandi e piccoli. Genova registra il 5,5%, La Spezia il 4,7%, Imperia il 6,6% e Savona il 5,9%. In aumento anche i dati relativi ai consumi complessivi dove a trainare è il capoluogo con 76 milioni di euro. A seguire ci sono le provincie: Imperia (18 milioni di euro); Savona (24 milioni di euro) e La Spezia (18 milioni di euro).

In aumento il settore dell’informatica per le famiglie in tutte le provincie. Genova incrementa i consumi attestandosi a -4,3% (-5,8% nel 2014); Imperia arriva a cifra -3,7% (da 7,4%); La Spezia registra il -4,2% (da 6,9%) e Savona cresce dal 6,7% dello scorso anno al -4,2% attuale.


Alcune tendenze che si riscontrano anche in Liguria

Negli ultimi 40 anni gli over “65enni” sono più che raddoppiati. Una famiglia su tre ha un anziano con necessità di assistenza giornaliera o parziale. Nel 77% dei casi ad occuparsene sono soprattutto i parenti: i figli nel 50% delle situazioni, le badanti (21%), il coniuge (16%), altri parenti (14%), oppure la casa di riposo (13%).

La spesa media mensile per nucleo famigliare dedicata all’assistenza degli anziani è di oltre 500 euro, una cifra che pesa sul budget medio famigliare. In questa economia di scambio gli anziani svolgono tuttavia anche un ruolo attivo dal momento che il 31% degli italiani over 65 dà una mano in famiglia ai figli e ai nipoti. Più in particolare il 71% si occupa dei nipoti, mentre il 31% aiuta direttamente i figli. Il loro contributo medio mensile stimato è di circa 385 euro per nucleo famigliare.
Gli anziani costituiscono quindi una preziosa risorsa: per quasi una famiglia su cinque rappresentano infatti un aiuto importante (19%). Nel 12% delle famiglie gli over 65 giocano un doppio ruolo: seppur necessitino di assistenza, svolgono una importante funzione di supporto per il nucleo, nel 19% dei casi aiutano senza aver bisogno di forme di attenzioni particolari e nel 22% dei casi hanno bisogno di “una mano”, ma non sono in grado di contraccambiare. Il contributo medio è valorizzabile in 330 euro.
Tra i supporti di cui godono gli anziani attualmente, sono senz’altro da menzionare tutti quei migranti che forniscono servizi alle persone: il 77% degli stranieri, secondo gli italiani, effettivamente ricopre ruoli di badante e di colf, seguono professioni come l’operaio edile nel 53% dei casi, il lavoratore agricolo (45%) il domestico (41%), oppure il cameriere/barista (29%). Nel nord ovest dell’Italia gli immigrati svolgono lavori legati all’agricoltura nel 32% dei casi, sono badanti (80%), domestici (38%) oppure operai edili nel 68% dei casi.

Il dato sorprendente della ricerca è che solo un quinto degli intervistati sa quantificare la presenza degli stranieri in Italia e ben 4/5 ne sovrastima il numero che è di 5.000.000 nel 2015, l’8% della popolazione totale. Nel 1995 erano 685.000 unità con un’incidenza sulla popolazione inferiore all’1%.
Per il 42% del campione parlare di “immigrati” evoca pensieri che spaziano nella sfera della diffidenza, mentre nel 61% fa pensare all’area positiva dell’arricchimento/risorsa e a quella delle difficoltà che i migranti incontrano nel loro inserimento e alle motivazioni che li hanno spinti alla fuga dai paesi di origine. Le principali conseguenze della loro presenza sono considerate l’emergere di una società multietnica e multiculturale, in parte meno sicura, ma che certamente fa più figli.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.