Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Squadra e compasso al Casinò di Sanremo, “la Costituzione è figlia della Massoneria” fotogallery video

Il Gran Maestro Bisi: "la massoneria è il contrario dell'Aids, se la conosci non la eviti e per conoscerla ci vuole poco"

Sanremo. Per la prima volta nella storia, i due vertici della massoneria italiana, a capo delle altrettante Obbedienze, si sono confrontate in pubblico, al Teatro del Casino’ di Sanremo, nell’ambito de “I Martedi’ Letterari”, rassegna culturale istituita negli anni Trenta. Il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, Stefano Bisi e il Sovrano Gran Maestro della Gran Loggia d’Italia, Antonio Binni, hanno dialogato su “Ideali e uomini della Massoneria per la Costituzione italiana, nel 70/mo della Repubblica”.

In un teatro del Casinò stracolmo, si è dovuto infatti dirottare altri spettatori presso la sala Biribissi dove è stato installato un maxi-schermo, i due Gran Maestri delle due principali obbedienze della Massoneria italiana si sono ritrovati fianco a fianco, per la prima volta, in un evento storico. Ai microfoni di Riviera24, lo scrittore e storico della massoneria Aldo Mola ha detto: “Qui si parlerà del padre della Costituzione Italiana Meuccio Ruini massone, fondatore della democrazia del lavoro e che avuto legami anche con il ponente ligure che ha dato figure di primissimo piano della massoneria. Penso ad Orazio Raimondo, socialista, sindaco e deputato e penso soprattutto a Mario Calvino ideatore della floricoltura, il cui figlio Italo riconobbe i valori della massoneria.”

Antonio Binni Gran Maestro della Gran Loggia d’Italia ha affermato: “la Costituzione è figlia della massoneria, nell’articolo 2 si riconoscono i diritti dell’uomo come inviolabili.” E ancora sui tre punti cardine della massoneria come Libertà, Uguaglianza e Fratellanza: “per quanto riguarda la libertà è il nostro bene supremo, perchè senza libertà non ci può essere massoneria, la massoneria vive solo nella libertà. Quando viene tolta la libertà la massoneria muore, basti pensare a Mussolini e al 1925.

Noi – prosegue – stiamo puntando moltissimo sul concetto di Fraternità, perchè noi viviamo ormai una società che è multiculturale e multietnica, abbiamo il bisogno di riconoscere che tutti sono fratelli e uomini.”

Infine Stefano Bisi Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia: “Anche noi massoni abbiamo costruito la Repubblica, anche nel disegno, visto che il logo è stato disegnato da un massone. Poi Meuccio Ruini all’Assemblea Costituente.” Sui massoni in Liguria e in particolare nel ponente ligure: “in provincia di Imperia ci sono i fratelli come ovunque ma a me piace ricordare un fratello come Mario Calvino che dava una definizione attuale di massoneria, ossia che la massoneria è un’associazione di uomini che tentano di fare del bene e che tutelano il libero pensiero.”

Sui pregiudizi ancora presenti sulla massoneria, Bisi evidenzia: “la massoneria è il contrario dell’Aids, se la conosci non la eviti e per conoscerla ci vuole poco, un po’ di buona volontà, basta andare sul sito internet del GOI e li si trovano tutte le attività.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.