Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il ritorno dei Datakill con il nuovo album, “romperemo i timpani a tutti”

"Respiriamo la nostra musica in tutto ciò che facciamo"

Più informazioni su

Sanremo. “Dopo anni di perseveranza siamo sempre qui pronti a rompere i timpani a tutti” Esordisce così l’intervista a Lorenzo Armanetti, chitarrista e seconda voce dei Datakill.

I Datakill sono un gruppo che nasce nel 1996 e propone una miscela di Metal e Hardcore con melodie e ritornelli accattivanti tutte autoprodotte. Dopo una pausa di circa due anni e diversi cambi di formazione, la band torna nel 2000 composta da 3 elementi : Stefano (voce e basso), Lorenzo (chitarra e seconda voce) e Davide (batterista).Ispirati principalmente a gruppi del calibro degli Biohazard, MadBall, Motorhead, Sepultura incidono il loro primo E.p , nel 2001, intitolato l’Odio. L’uscita dell’ Extended Play segna una svolta importante nella loro carriera che vede crescere la loro popolarità non solo nel ponente ligure ma nel resto della penisola. Nel 2003 partecipano alla compilation “punk e contaminazioni”, consolidando sempre di più il loro curriculum. Il loro primo album: “Fino all’ultimo Respiro” esce a Maggio 2006 ottenendo critiche positive. I pezzi sono chiaramente concepiti per risultare coinvolgenti e di impatto, e questo scopo è stato ampiamente raggiunto. Successivamente esce anche il loro primo videoclip “Ricordi sbiaditi“. Alcuni problemi con l’etichetta fanno rallentare il loro cammino, ma il combo non si scoraggia continuando la propria strada, e così nel marzo 2010 dà alla luce un singolo: “Ventidue“, nuovamente auto-prodotto.

Ebbene dagli storici artisti sanremesi ci siamo fatti raccontare il loro ultimo lavoro “La soluzione”.

“Abbiamo inciso – spiega la band – il nuovo album per trovare una valvola di sfogo dalla nostra monotonia,per noi è una cosa importante,è un nostro modo di essere, uno stile di vita. Respiriamo la nostra musica in tutto ciò che facciamo. Negli anni il nostro genere è mutato, a tratti è diventato più maturo e in alcuni aspetti abbiamo preferito un approccio più semplice non distaccandoci mai dall’amore per un certo tipo di sonorità. ”

E infine: “Il nostro nuovo album è stato il conseguimento di un duro lavoro e di ricche collaborazioni  con il ponente, (che vanta una fucina di artisti davvero interessanti) considerando sempre che sono autoproduzioni…tutto fatto con le nostre forze!” Il chitarrista ligure spera che il nuovo album sia il consacramento di una carriera ricca di soddisfazioni!

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.