Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Assistenza sanitaria: la richiesta dei sindaci del ponente nelle parole di Giacomo Pallanca

Sì alla concentrazione di ostetricia a Sanremo: "E' il presidio più baricentrico". Per Bordighera chiesto un PPI h24

Bordighera. “Chiediamo la revisione della quota pro capite”. È questo l’appello dei sindaci del ponente ligure alla regione Liguria in merito alla sanità pubblica.
Spiega il Sindaco Giacomo Pallanca: “Il nostro metro di paragone è l’Asl 5 spezzina che, a parità del numero di abitanti, ha una quota pro capite di molto superiore alla nostra”.

Che l’Asl 1 imperiese sia penalizzata rispetto alla “collega” della provincia più orientale della Liguria non è una novità. Ma non per questo significa che il ponente debba continuare a subire.

“Una revisione della distribuzione delle quote”, spiega ancora Pallanca, “Porterebbe ad un’entrata di capitale necessaria a garantire servizi ai nostri cittadini ed, inoltre, porterebbe a nuove assunzioni, vitali per i nostri tre presidi”. L’organico ridotto all’osso negli ospedali imperiesi, infatti, è la principale pecca del sistema sanitario dell’estremo lembo di Liguria.

Per quanto riguarda la decisione di eliminare il reparto di ostetricia di Imperia, per crearne uno unico a Sanremo, il Sindaco dichiara: “Comprendo i timori dei miei colleghi dell’imperiese. Ma Sanremo è più baricentrico rispetto ad Imperia e, dato che le nascite nella nostra provincia non permettono la sopravvivenza di due reparti distinti di ostetricia, la scelta che tutto si accentri al Borea è quella più giusta”.

Parlando più specificamente del Saint Charles, Pallanca dice: “Siamo consapevoli che un ritorno al passato sarebbe impossibile. Ma chiediamo che il Punto di Primo Intervento resti attivo h24 e che sia in grado di gestire in maniera autonoma determinate emergenze”.

“Il nostro comprensorio conta 60mila abitanti”, aggiunge il Sindaco, “Ma d’estate le presenze triplicano. Già la scorsa estate il pronto soccorso dell’ospedale di Sanremo si è più volte intasato: non vorremmo che la situazione si replicasse”.

Il dialogo tra i sindaci del ponente e l’Assessore regionale alla Sanità Sonia Viale è costante: “Comprendiamo l’estrema difficoltà nella quale opera l’Assessore, poiché le si chiede un compito gravoso”, conclude Pallanca, “Quello di una revisione della programmazione partita dieci anni fa, che ha penalizzato in modo particolare il nostro plesso ospedaliero. Confidiamo che, essendo l’Assessore persona attiva e conoscitrice del nostro comprensorio, si possa dialogare e interagire al fine di un miglioramento del sistema assistenziale imperiese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.