Quantcast
La storia di natale

Bordighera, passerotto impigliato in una lenza salvato da due uomini

Per gli animali la sofferenza è indicibile: ami, esche artificiali e lenze causano nei volatili mutilazioni e lacerazioni dolorosissime

uccellino ferito

Bordighera. Quello che uno dei protagonisti della vicenda ci ha raccontato è successo un po’ di tempo fa, ma l’attualità della notizia permane: quasi quotidianamente, nella provincia di Imperia, volontari della Protezione Animali o semplici cittadini recuperano animali in difficoltà. Soprattutto volatili che restano impigliati in ami o lenze lasciate a terra o in mare dai pescatori.

Per gli animali la sofferenza è indicibile: ami, esche artificiali e lenze causano nei volatili mutilazioni e lacerazioni dolorosissime.

Una storia a lieto fine, quella che ci è ha raccontato Mauro Sudi del Club Nautico Bordighera: “Con Enrico Guerrato stavamo trafficando vicino alla veleria del club nautico”, ricorda l’uomo, “Quando dei fruscii hanno attirato la nostra attenzione. Ci siamo avvicinati e abbiamo visto che era un passerotto che si agitava sopra ad un cespuglio, sembrava che non riuscisse più a volare e infatti abbiamo notato una lunga lenza che lo avvolgeva”.
“L’uccellino era ormai stremato dai vari tentativi di liberarsi della lenza”, racconta sempre Sudi, “Siamo riusciti a prenderlo ed abbiamo notato che aveva un amo infilato nel becco! Mentre io lo tenevo fermo nella mia mano e gli accarezzavo la testolina, Enrico con delicatezza, dopo vari tentavi è riuscito a togliere l’amo che, per fortuna non era infilato in profondità”.

L’animaletto, felice dell’ormai insperata libertà che due uomini sensibili gli avevano restituito, “se n’è volato libero, dopo averci rallegrato con un paio di cinguettii”.

commenta