Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Una delegazione del CESPIM alla Conferenza Organizzativa del coordinamento nazionale dei centri di servizio per il Volontariato foto

Imperia. Oltre 270 partecipanti provenienti da tutte le regioni d’Italia hanno animato la conferenza nazionale di CSVnet, l’appuntamento annuale itinerante più importante per la rete dei Centri di Servizio per il Volontariato (CSV) in programma a Napoli da venerdì 6 fino a domenica 8 novembre.

Dopo Emilia Romagna, Puglia e Lombardia, CSVnet ha scelto la Campania, proponendo un momento di confronto in un territorio capace di valorizzare le energie del volontariato a sostegno delle componenti più fragili e in difficoltà della società civile.

Come hanno raccontato Luigi de Magistris, sindaco di Napoli intervenuto in apertura insieme a Roberta Gaeta, assessore al Welfare Comune di Napoli in rappresentanza dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) e Lucia Fortini, assessore alle Politiche Sociali della Regione Campania e della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.

I temi della Riforma del Terzo Settore hanno animato il dibattito, grazie alla presenza dell’onorevole Donata Lenzi e del senatore Stefano Lepri, entrambi relatori, rispettivamente alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica, del disegno di legge.

“I CSV sono un motore di sviluppo del volontariato e devono continuare ad esserlo per mantenete il ruolo unico di infrastruttura sociale” ha dichiarato l’onorevole Donata Lenzi, immaginando di consentire ai CSV di accedere a risorse altre rispetto a quelle garantite, per legge, dalle Fondazioni di origine bancaria.

Apertura dei servizi ai volontari presenti in tutte le componenti del terzo settore, dalle associazioni di promozione sociale alle Ong, purchè la governance resti al Volontariato: questa è la posizione espressa dal senatore Stefano Lepri, che ritiene essenziale l’allargamento della base sociale sul criterio della porta aperta.

“Il sistema dei CSV soffre di una normativa datata e che ha manifestato buchi e inadeguatezze – ha proseguito il presidente di CSVnet. “La riforma è una grande occasione e le considerazioni che CSVnet ha rappresentato in questi mesi nelle aule parlamentari contengono proposte, dettate da 15 anni di esperienza, a cui ora è necessario dare una risposta”.

La conferenza si è poi concertata sui lavori dei gruppo dedicati a: promozione del volontariato; sistema dei CSV, progettazione sociale, programmazione europea e Giornata Internazionale del Volontariato. Alla conferenza hanno partecipato il Presidente del CESPIM Matteo Lupi, la direttrice Ilaria Giordano con Patrizia Collevecchio e Barbara Montaldo dello staff. “Occasione irripetibile – dichiara Lupi – per confrontare le esperienze dei centri al volontariato attivi ormai in tutte le regioni italiane”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.