Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Fondazione  “Maria Caterina Pizzio e Alberto Rovera”  a supporto del  progetto di inclusione  dell’Istituto comprensivo Sanremo levante

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione “Maria Caterina Pizzio e Alberto Rovera”, dopo aver preso visione del Progetto promosso dall’Istituto Comprensivo Sanremo Levante nella parte relativa al supporto dei bambini in difficoltà della “Scuola Statale dell’Infanzia Gian Maria Rubini” di Ceriana, ha deciso di aiutare concretamente i piccoli attraverso una donazione in memoria della signora Maria Caterina Pizzio, di suo figlio Alberto Rovera e soprattutto nel vivo ricordo di Ezio Rovera.

Ezio Rovera era un uomo speciale ed è una grande anima che continua a vivere e ad agire attraverso la Fondazione da lui lucidamente voluta nel momento in cui comprese che la grave malattia che lo aveva colpito avrebbe posto fine a tutti i suoi progetti ed alle sue innumerevoli e ammirevoli attività.
Con lucidità e straordinaria percezione dell’animo umano seppe coinvolgere le persone a lui più care in un percorso che si è concretizzato nel 2001 con il riconoscimento giuridico della Fondazione.
Nato in povertà nel centro storico di Taggia,cresciuto circondato dall’amore dei suoi i familiari, in gioventù partì per Torino, dove seppe trovare la sua strada in modo quasi casuale in botteghe artigiane di falegnameria e di restauro che lo accolsero permettendogli di mettere in pratica le sue capacità creative,il gusto estetico e le doti artistiche uniche e indiscutibili.

Non era una persona semplice, ma una persona vera. Al benessere economico raggiunto corrisposero una serie di azioni quali il ritorno nella terra natia, la ricerca di comunicare in prima persona al prossimo l’armonia e la bellezza dell’arte e soprattutto il desiderio fortissimo di aiutare gli altri.
Per la sua Taggia fece molto: fu presidente del Centro Culturale Tabiese, fu consulente nell’Oratorio dei Bianchi per il restauro del Crocifisso e dell’Altare, scolpì i ritratti dei Ruffini per il cimitero, la bella Madonnina nella cappelletta di regione Periane e il busto di Mons. Giauni. Con i proventi di una sua mostra si restaurò il tetto della chiesa di S.Benedetto sul Colletto.
Ai suoi familiari, alla madre ed al fratello Alberto, volle intitolare la Fondazione. La statua della mamma, da lui scolpita, veglia ora la sua tomba.

Per i suoi amici, ai quali è ora affidata la Fondazione, fu una luce così forte che ancora oggi brilla guidandoli nelle scelte e nei comportamenti.
La Fondazione “Maria Caterina Pizzio e Alberto Rovera” ha per scopo l’attuazione di iniziative del più alto interesse sociale quali:
-l’assistenza di persone in condizioni economiche disagiate;
-la protezione sotto il profilo fisico e morale dell’infanzia;
-l’assegnazione di n°2 borse di studio all’anno nel comune di Taggia agli alunni che intraprendono le scuole superiori.

Il Grazie dell’Istituto Comprensivo Sanremo Levante va al Consiglio di Amministrazione, ma anche al signor Ezio Rovera che vive più che mai nel cuore di coloro che ebbero la fortuna di conoscerlo, nelle sue opere e nelle azioni della Fondazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.