Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Eliot Fisk al Teatro dell’Opera del Casino per “Il Festival Chitarristico Internazionale”

Un mito della chitarra classica statunitense

Sanremo. Questa sera alle ore 21.00, presso il Teatro dell’Opera del Casino, all’interno della manifestazione “Il Festival Chitarristico Internazionale“, sarà proposto  un concerto che si farà ricordare: quello del mito della chitarra classica statunitense,  Eliot Fisk .

Universalmente riconosciuto come uno dei più grandi chitarristi della propria generazione, Eliot Fisk è stato recentemente insignito della “Croce di Santa Isabella La Cattolica”, ovvero la più alta onorificenza autorizzata dal re di Spagna per i servigi resi alla musica spagnola. Questa onorificenza è stata assegnata solo tre volte: ad A. Segovia, a Y. Menuhin e, appunto, ad Eliot Fisk. La serata ufficiale della premiazione si è tenuta in occasione dell’apertura del “Boston Guitar Fest” (fondato e diretto proprio da Fisk), presso la “Jordan Hall”, una delle sale statunitensi di più marcata tradizione storica. Grazie all’incredibile virtuosismo ed all’ineguagliabile versatilità, nel corso della propria carriera Eliot Fisk si è esibito, sia in recital per chitarra sola sia in duo con il celebre chitarrista spagnolo Paco Peña, presso le sale concertistiche più importanti che la tradizione musicale possa vantare.

È inoltre docente presso l’Università del Mozarteum di Salisburgo, nonché presso il Conservatorio del New England – USA. Nel 1996 Fisk ha inciso in esclusiva, su incarico di Emilia Segovia, marchesa di Salobrena, alcune composizioni inedite del marito: la registrazione è stata accolta con un successo tale che la rivista Time Magazine ha scritto: “Questa registrazione abbaglierà i violinisti e scoraggerà i chitarristi…”.

Tra le incisioni più recenti di Fisk si ricordano le 6 Trio Sonate BWV 525 – 530, originariamente scritte per organo (con il cembalista Albert Fuller), le 6 Sonate e Partite BWV 1001 – 1006 di J. S. Bach per violino solo (nella trascrizione dello stesso Fisk per chitarra), un disco dedicato alle opere scritte per Fisk dall’eminente compositore Geroge Rochberg (con la Chamber Music Society of Lincoln Center e con Paula Robison) e una registrazione del Concierto Magico di Leonardo Balada con Josè Serebrier e l’Orchestra di Barcellona, nominato da Amazon come uno dei 10 migliori dischi del 2001.

Il compianto Luciano Berio ha voluto dedicare ad Eliot Fisk la famosa “Sequenza per chitarra” e, sempre di Berio, Fisk ha inciso numerosissime opere appositamente trascritte.Altrettanto degne di nota sono poi le sue memorabili esecuzioni di trascrizioni da opere di Bach, Scarlatti, Mozart, Haydn, Paganini, oltre alle commissioni di compositori del calibro di Berio, Balda, Beaser, Bolcom, Montsalvatge, Maw, Rochberg, Schwertsik. Fisk ha collaborato inoltre con nomi del livello di Ute Lemper, Richard Stolzman, Bill Frisell, Burhan Öchan, Joe Pass e Lucero Tena. È attualmente impegnato in una lunga tournée europea al fianco di Bill Frisell.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.