Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bordighera, raffica di furti nella notte: presa di mira dai ladri la zona dell’Arziglia foto

Fino ad ora solo una famiglia ha sporto denuncia, ma altri cittadini stanno per recarsi in via Primo Maggio per denunciare ai Carabinieri quanto avvenuto

Più informazioni su

Bordighera. Furti a raffica nella zona dell’Arziglia. Almeno quattro gli appartamenti “visitati” dai ladri, anche se per ora solo in un caso è stata sporta denuncia ai Carabinieri che nella notte hanno ricevuto più di una segnalazione.

“Mio figlio si è messo ad urlare quando si è trovato i ladri in camera”, racconta una signora, ancora scossa da quanto accaduto nella notte.
Più fortunata la sua vicina: i malviventi non sono riusciti ad entrare, a fermarli è stata la porta blindata. Negli altri casi, invece, il gioco è stato semplice: smontata la serratura della porta, i ladri sono entrati nelle abitazioni. Pila in mano, hanno frugato nei cassetti portando via tutto quello che sono riusciti a trovare: telefoni cellulari, contanti, gioielli e chiavi di casa, auto e moto.

“Ora viviamo nel terrore che ritornino per rubarci anche la macchina”, dice la donna, “Ma possiamo ritenerci fortunati, visto che per lo meno nessuno ci ha fatto del male”.

Nella via, una ripida stradina cieca dove vive una quindicina di famiglie, oggi non si parla d’altro e molti si chiedono come sia stato possibile che i cani presenti, una ventina, non abbiano abbaiato.

“Non sono venuti solo in strada della Cava”, dice un residente, “Ma anche in via Zeni. Solo lì, intorno alle 3 del mattino, i cani si sono fatti sentire. Da noi invece no. È strano. Magari sono stati addormentati in qualche modo: non trovo altre spiegazioni”.

Nonostante la presenza di cani addestrati alla guardia, come recita anche il cartello affisso sui muri di una abitazione, a dare l’allarme è stato un ragazzo, Simone R., svegliatosi nel cuore della notte con i ladri in camera: “Ha visto le torce e si è messo ad urlare”, racconta la madre.

“Abbiamo immediatamente chiamato i Carabinieri che sono arrivati subito”, aggiunge, “E ora andremo a sporgere formale denuncia”. La speranza è quella di riavere indietro la refurtiva, ma soprattutto la sicurezza che quanto accaduto porti maggiori controlli nella zona.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.