Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Aut aut di Carlo Capacci: “Chi ha vinto la gara sul depuratore deve rispettare i patti”

La posizione dei dipendenti invece non viene messa in discussione

Imperia.  “Hanno vinto una gara in cui c’era scritto che avrebbero fatto la gestione per quella cifra e noi pretendiamo che la facciano”. Lo dice apertamente Carlo Capacci, sindaco di Imperia, dopo la bufera sul depuratore di Imperia che risponde al mittente che aveva chiesto più soldi rispetto a quanto contenuto nel documento-contratto iniziale.

“Effettivamente – spiega il sindaco – sussiste una problematica contrattuale con il gestore. Il contratto di costruzione del depuratore prevedeva un anno di gestione a titolo gratuito a loro carico, che è stato effettuato, e poi cinque anni di gestione a una cifra stabilita dal contratto, circa un miliardo e 300 milioni di lire da convertire in euro. Viceversa si sostiene che sia una cifra anti-economica, noi che c’è un contratto firmato”.

Diverso il discorso dei dipendenti. “La loro posizione – sostiene Capacci – non è messa in discussione. C’è stato un tavolo in Prefettura alcune settimane fa. Il Comune di Imperia si è offerto di sostituire la stazione appaltante per il pagamento degli stipendi, come accaduto nel caso della Tradeco. Per i dipendenti, così come per il depuratore, non ci sono quindi problemi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.