Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, Maria Falcone, sorella del magistrato Giovanni, ai Martedì Letterari del Casinò

La sorella del magistrato simbolo della lotta a “Cosa Nostra” presenta il libro:” “Giovanni Falcone un eroe solo. Il tuo lavoro, il nostro presente. I tuoi sogni, il nostro futuro”

Sanremo. Nella stagione autunnale dei Martedì Letterari del Casinò, torna il ciclo “la cultura della legalità” con l’attesissima partecipazione della professoressa Maria Falcone che ricorderà il fratello magistrato, simbolo della lotta a “Cosa Nostra” attraverso il libro:” “Giovanni Falcone un eroe solo. Il tuo lavoro, il nostro presente. I tuoi sogni, il nostro futuro” (Bur Biblioteca Universale Rizzoli). Introducono l’autore i Magistrati Dott.sa Grazia Pradella e Dott. Roberto Cavallone. Letture degli studenti del Liceo Cassini e Amoretti. Musiche della Scuola Ottorino Respighi. Documenti video. L’incontro è inserito nel programma di Formazione dell’Ordine dei Giornalisti.
Il libro riesce a trasmettere il doloroso pregnante vuoto che il magistrato ha lasciato, vuoto che la sua opera, il suo lavoro, la sua figura riescono ad attenuare nella certezza che anche dopo vent’anni nulla è stato appannato, ma l’affetto verso di lui è accresciuto anche nelle persone che non hanno avuto il privilegio di conoscerlo. Questo grazie al messaggio che giorno dopo giorno ha contribuito a rinnovare la Fondazione Giovanni e Francesca Falcone, un messaggio che si vivifica tra i più giovani nelle scuole e nella società civile.

L’incontro avrà luogo mercoledì 28 ottobre alle 16,30 presso il teatro del Casinò di Sanremo.

23 maggio 1992: la strage di Capaci, in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca e tre uomini della scorta, scosse l’Italia come un terremoto immane, segnando le coscienze e dimostrando l’urgenza di una reazione intransigente e senza tentennamenti contro la mafia, da parte delle istituzioni e della società civile. Da più di vent’anni Maria Falcone si dedica a mantener viva la memoria del fratello con un’attività intensa finalizzata a tutti, ma specialmente ai giovani, come educazione alla legalità. È un’opera meritoria perché fu proprio grazie al lavoro di Giovanni che lo Stato trovò finalmente il modo per combattere con efficacia il fenomeno mafioso. Senza il suo intuito investigativo, la sua visione ampia e la sua determinazione assoluta, Cosa Nostra avrebbe potuto continuare per anni a dominare incontrastata. Eppure – come traspare nelle pagine drammatiche e struggenti del libro in cui Maria, affiancata dalla giovane giornalista esperta di mafia Francesca Barra, rievoca la vita di suo fratello – Giovanni Falcone si trovò molto spesso solo nel suo cammino. Solo quando insinuarono che si prendeva troppa confidenza con Buscetta. Solo quando i diari di Chinnici, ucciso da poco tempo, furono utilizzati per gettare ombre sul suo operato. Solo quando fu costretto a «mettere i piedi sul sangue del mio amico più caro», Ninni Cassarà. Solo quando si scatenò il dibattito contro i «professionisti dell’antimafia». Solo quando, con il pensionamento di Antonino Caponnetto fu di fatto decretata la fine del pool antimafia in cui avevano lavorato lui e Borsellino. Solo quando era stimato negli Stati Uniti, molto meno in Italia. Solo quando qualcuno disse che l’attentato all’Addaura se l’era organizzato lui stesso. Solo quando l’amico Leoluca Orlando gli volse le spalle. Solo quando non faceva mai trapelare la paura, nemmeno ai familiari. E poi fu sempre solo perché rinunciò a una vita normale, tanto da doversi spesso tenere a distanza dall’adorata moglie Francesca, che infatti morì con lui, in una delle rare occasioni in cui si erano concessi di stare soli in macchina. Dopo tutto questo, Giovanni Falcone è oggi indubitabilmente un grande eroe italiano, riconosciuto come tale nel mondo. Il suo metodo rivoluzionario ha cambiato la nostra storia, il suo esempio le nostre coscienze. ( dall’Introduzione al libro)

Maria Falcone (Palermo 30 aprile 1936) è la sorella del magistrato Giovanni Falcone.
Per anni insegnante di Diritto negli istituti superiori, ha pubblicato insieme a Giovanni Marchese:” Io e tu: la società – Educazione alla legalità e alla convivenza civile (Carocci 2004), manuale per le scuole. Da ultimo Chi vede lontano non ha mai paura (Rizzoli 2012) e Carceri, lo spazio è finito (Infinito edizioni,).
E’ Presidente della Fondazione Giovanni e Francesca Falcone.
Il 22 maggio 2012, per il ventesimo anniversario della strage di Capaci, organizzò un evento per ricordare l’accaduto davanti all’Albero Falcone. Titolo dell’anniversario: Venti. «È una tempesta di sensazioni opposte. Da una parte prevale la nostalgia di tanti uomini giusti. Dall’altra serpeggia un senso di omissione in tante aree della nostra vita sociale» [ 22/5/2012].

Il prossimo appuntamento con i Martedì Letterari è per il 3 novembre nel teatro dell’Opera. Alle ore 16.30 in collaborazione con il Serra Club Andrea Tornielli presenta il libro: “ Papa Francesco. Questa economia uccide” (Piemme). Alle ore 21.00 sempre nel Teatro dell’Opera Mauro Biglino illustra il suo ultimo volume:” La Bibbia non parla di Dio” (Mondadori).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.