Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In Comune a Imperia volano gli stracci, convocata una riunione di maggioranza

Clima incandescente dopo un consiglio comunale che ha messo in difficoltà chi governa la città

Imperia. Il caso parcheggi, approdato ieri sera in consiglio comunale che ha messo alle corde Capacci, ha alimentato un vero terremoto politico. La crisi di governo, anche se Capacci sostiene il contrario, è in atto tanto che è stata convocata una riunione di maggioranza urgente per capire se vi siano o meno i presupposti per poter proseguire l’attività amministrativa.

Chi questa mattina ha incontrato il sindaco Carlo Capacci lo ha visto scuro in volto dopo una serata “no”. Si dice che potrebbe fare anche un passo indietro. Potrebbe abbandonare la prima poltrona del Comune? E’ ancora presto per dirlo. Tutto dipenderà dalla riunione di maggioranza che è stata convocata nei prossimi giorni.

Se Carlo Capacci dovesse “mollare” il Municipio arriverebbe un commissario prefettizio due anni dopo la vittoria della sua lista “Imperia Cambia” che ieri sera, nel corso del parlamentino, gli ha voltato le spalle. “Al momento però non tolgo il disturbo” dice categoricamente l’inquilino numero uno di palazzo civico. 

Pesano e fanno riflettere le parole che ha postato ieri mattina sul suo profilo Facebook: “Ai Consiglieri Comunali di maggioranza che vogliono che questa sera l’ Amministrazione Comunale vada in minoranza sul voto delle mozioni Parasio e non hanno il coraggio di venire a dirlo in riunione dico: non ho mai accettato ricatti e non devo fare il sindaco per forza avendo fortunatamente un lavoro che mi sono creato da solo e per il quale non devo dire grazie a nessuno se non alla mia famiglia”.

E di Paolo Re che ieri lo ha messo in difficoltà quale idea si è fatto il sindaco? “E’ stato eletto da 200 elettori. In consiglio rappresenterà quel numero di persone che lo hanno sostenuto durante le elezioni. Stop”, ecco il Capacci pensiero.

E dalla minoranza non mancano alcuni siluri: “Capacci vorrebbe amministrare la città, ma non amministra neanche il suo gruppo: Imperia Cambia, cinque consiglieri su sei votano contro il loro sindaco, su indicazione del capogruppo”, dice di lui Piera Poillucci di Forza Italia che ha votato la mozione che ha messo al tappeto il primo cittadino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.