Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cani al cimitero di Imperia, il consiglio comunale accoglie l’istanza di Piera Poillucci

Chi porterà Fido tra le tombe, dovrà essere munito di paletta e buste per raccogliere le deiezioni

Imperia. Al cimitero di Imperia accompagnati dal proprio cane. Un emendamento, in tal senso, è stata presentata dal consigliere comunale di Forza Italia Piera Poillucci. Dopo essere stato vagliato in commissione è approdato questa sera in consiglio ed è passato. Così come il nuovo regolamento dei servizi cimiteriali.

“Con questa delibera si afferma il diritto per i proprietari dei cani di accedere a tutti i luoghi pubblici, compresi i cimiteri”, spiega il consigliere Poillucci.

E’ chiaro che l’accesso dovrà avvenire in maniera rigorosa e che saranno previsti frequenti controlli. Quindi gli amici dell’uomo dovranno essere sempre tenuti al guinzaglio e i loro padroni avranno l’obbligo di portare sempre con loro una museruola, da applicare in caso di pericolo o su richiesta degli addetti ai cimiteri o della Polizia Municipale. Tutto questo ad esempio nel caso in cui qualche visitatore avesse particolarmente paura dei cani.

Chi porterà Fido tra le tombe, dovrà essere munito di paletta e buste per raccogliere le deiezioni, ed impegnarsi a pulire con l’acqua delle fontanine. L’istanza della Poillucci è stata accolta. L’utenza non dovrà portare i quattro zampe nei campi di inumazione, e neanche in zone piastrellate in marmo o con altri materiali non “drenanti” e quindi non facili da pulire a fondo.

I cittadini che porteranno gli animali al camposanto, dovranno impegnarsi a rispettare la quiete richiesta in quell’ambiente. E’ evidente che trattandosi di un ambiente particolarmente delicato, le condizioni poste dovranno essere pedissequamente seguite.

La proposta è stata accolta e a vigilare sarà il personale addetto ai cimiteri. Un’istanza inserita nel nuovo regolamento dei servizi cimiteriali che è stato varato dall’assessore Pino De Bonis (Pd) a 52 anni di distanza dal primo varo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.