Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Arrestato di nuovo “Maradona”, il vero nome è un mistero: si sa solo che è fratello di Edi Mohmed, rivenuto cadavere in un fosso l’anno scorso foto

Questa volta è finito in manette per aver mandato in ospedale un giovane tunisino

Sanremo. Per la quattordicesima volta viene arrestato “Maradona” – questa volta dalla Polizia – il 34enne nordafricano dai mille alias noto per la somiglianza con il “pibe de oro”.

Questa volta è finito in manette per aver mandato in ospedale un giovane tunisino. Ieri sera erano entrambi ubriachi marci vicino al Casinò quand’ , per un nonnulla sembra, hanno iniziato a darsele di santa ragione. Maradona, che fisicamente è più che ben piazzato, ha avuto facilemente ragione del rivale, massacrandolo di pugni in faccia. Ora il malcapitato, dopo una prima notte al “Borea” è ricoverato al Santa Corona di Pietra Ligure con delle gravi fratture al volto. Il “vincitore” dell’incontro è invece in carcere a Valle Armea, dopo una notte passata in Commissariato. E’ accusato di lesioni gravi, e altri reati, nonché di essere rientrato illegalmente in Italia dopo l’espulsione di tre mesi fa.

Anche se il vero nome di Maradona è sconosciuto (forse anche a lui) in virtù delle molteplici false generalità che ha sempre rilasciato, si sa però di per certo che è il fratello di Mohmed Edi, il nordafricano rinvenuto cadavere in strada Monte Ortigara, sopra Coldirodi, il 9 marzo dell’anno scorso. Per quel fatto, sono sotto processo per soppressione di cadavere i sanremesi Massimo Passaro, 47 anni, la convivente Roberta Alberti, 44 anni, e la madre dell’uomo, Teresa Biga, 65 anni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.