Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Arrestato dagli agenti della Squadra Mobile un latitante moldavo foto

Un furto commesso nella notte tra il 29 ed il 30 settembre del 2004 nella località moldava di Grimancauti, nel distretto di Briceni

Più informazioni su

Imperia. È stato fermato mentre stava per entrare in un noto ristorante della riviera di ponente ed arrestato dagli uomini della Squadra Mobile della Questura. Si tratta di un pregiudicato di 42 anni, di origini moldave, sul quale pendeva, dal gennaio del 2013, un mandato di arresto internazionale emesso dall’autorità giudiziaria moldava per il reato di furto in abitazione.

Il latitante, per sfuggire alle sue ricerche, diramate in tutta Europa, aveva trovato rifugio in Francia e più precisamente – per quanto si è potuto accertare – in una nota località turistica della Costa Azzurra. Ma la tentazione di un ottimo pranzo gli è costata cara e così, monitorato dalla Polizia, è stato preso “con le mani in pasta” poco dopo essere entrato in Italia.

Il mandato di cattura internazionale era stato emesso dalla Corte di Appello di Balti (Moldavia) e si riferisce ad un furto commesso nella notte tra il 29 ed il 30 settembre del 2004 nella località moldava di Grimancauti, nel distretto di Briceni; per tale reato il codice penale moldavo prevede una pena massima di 4 anni di reclusione.

L’uomo, però, era già conosciuto dalle forze dell’ordine italiane in ragione dei suoi numerosi precedenti per reati di vario genere commessi in varie zone del territorio nazionale e, in particolare, del Nord Italia; reati anche di una certa gravità, quali sequestro di persona, rapina e ricettazione.

L’attività info-investigativa condotta dai poliziotti della Squadra Mobile, anche grazie agli scambi informativi con altri uffici di polizia, italiani e stranieri, ha permesso di apprendere che il latitante era intenzionato al oltrepassare il confine italo-francese, con il rischio che potesse commettere ulteriori reati in territorio italiano.

In effetti, gli spunti investigativi dei poliziotti si sono rivelati fondati e con l’ausilio di apparati di localizzazione, non appena il bandito è entrato in Italia, gli uomini della Squadra Mobile si sono messi sulle sue tracce e lo hanno intercettato ed arrestato.

L’uomo è stato quindi accompagnato negli uffici della Questura di Imperia e, al termine degli adempimenti di rito, è stato associato alla Casa Circondariale di Imperia. Il suo arresto è stato, nei giorni successivi, convalidato dalla competente Autorità Giudiziaria.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.