Quantcast

Ventimiglia, Morgan strega il pubblico di Piazza Colletta fotogallery

Termina così, con quasi due ore di grande live, la prima delle due serate del Ventimiglia Indies Festival

Ventimiglia. Sono quasi le 23,20, quando sul palco di Piazza Colletta sale Morgan ed è il delirio.

L’eclettico artista, accompagnato dai Megahertz, sorseggia tranquillo un bicchiere di vino, da lui denominato “Morgato”, fumandosi una sigaretta come se si trovasse nel suo salotto.

Suona Bach alle tastiere, prima di scatenarsi in un concerto che i numerosi presenti faranno fatica a dimenticare.
Termina così, con quasi due ore di grande live, la prima delle due serate del Ventimiglia Indies Festival.
Morgan passa con disinvoltura da un preludio del suo “amico” Chopin ad una strepitosa cover di “Another brick in the wall” dei Pink Floyd, passando per alcuni dei suoi più grandi successi: “L’assenzio”, “Altrove”, “Contro me stesso”, “Altre forme di vita”, per citarne solo alcune.

Nell’estremo lembo della Liguria, l’artista non dimentica di citare uno dei più grandi cantautori di tutti i tempi, Fabrizio De Andrè: “Il Sindaco mi ha chiesto di fare un suo pezzo”, scherza Morgan, “E io lo faccio, non perché sento il suo potere, ma perché evidentemente ha dei gran bei gusti musicali”. E del mitico Faber, lui, ribelle, malinconico e fuori da ogni schema non poteva che scegliere “Morir per delle idee”.

Nelle prime file, assiepati vicino alle transenne, i fans di Morgan scalpitano e lui, lasciate le tastiere, si destreggia a basso e chitarra in pose da divo, regalando sorrisi maliziosi ai numerosi smartphone alzati al cielo per immortalarlo.
Ma non si dimentica delle retrovie, dove stanno in tanti adulti: “Vedo che la maggioranza di voi ha età di un certo livello”, dice, e improvvisa un medley anni Settanta, da regalare a chi, come lui, è cresciuto con “Psycho killer” dei Talking Heads.

Dall’esaltazione a brani di “bossanova cimiteriale”, perché un po’ di tristezza, parole sue, fa bene all’arte.
D’altronde si sa che se qualcuno, nel mondo, può incarnare la trasgressione, il successo e l’eccesso, quello è proprio lui: Morgan.
Il Ventimiglia Indies Festival continuerà stasera, a partire dalle ore 19,00, presso la bocciofila di Roverino. Le condizioni meteorologiche avverse hanno spinto gli organizzatori a spostare la manifestazione. Oltre a gruppi emergenti locali e nazionali, sul palco saliranno i Kutzo: band rivelazione dello scorso Festival di Sanremo.