Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nasce l’Osservatorio della Lega Pensionati (SPI) CGIL di Sanremo

La delegazione della Lega Pensionati ha espresso la necessità di trovare una formula per l'accesso ai pasti a domicilio per chi non ha sufficiente autonomia, e ha evidenziato la precarietà dell'esercizio del diritto alla mobilità, la cui attuazione dipende dal finanziamento della Regione

Sanremo. Il giorno 14 settembre si è tenuto un incontro della Lega Pensionati CGIL di Sanremo, con l’Assessore Costanza Pireri e la dott.ssa Rosetta De Marchi, la delegazione era formata dal Segretario Franco Gazzano, dal Presidente del Consiglio Direttivo Amelia Narciso e dal Referente del settore Giovacchino Carli, per conoscere i dati relativi alla realtà socio-sanitaria della popolazione anziana o comunque in situazione di disagio psico-fisico e discutere degli interventi in programma nei confronti dei bisogni di questi cittadini.

La LEGA SPI CGIL ha riscontrato grande disponibilità e consapevolezza da parte dei Servizi Sociali e dell’Amministrazione per i problemi che la parte più debole economicamente e fisicamente deve affrontare, e per cui è indispensabile l’intervento pubblico, poiché le Associazioni di volontariato, pronte a fare rete col Comune e che già operano incessantemente nel distretto, non possono sopperire a determinate esigenze.

La delegazione ha ricevuto la documentazione richiesta per attivare l’Osservatorio ed elaborare i programmi dello SPI CGIL in rapporto ai bisogni emergenti, e ha espresso una valutazione positiva sui programmi già attivati dall’amministrazione, quali i servizi a domicilio e soprattutto il progetto delle dimissioni protette: progetto sperimentale che al momento riguarda solo gli anziani e i portatori di problematiche psicofisiche dimessi dall’ospedale di Sanremo, e garantisce loro l’assistenza gratuita per un mese.

La delegazione della Lega Pensionati ha espresso la necessità di trovare una formula per l’accesso ai pasti a domicilio per chi non ha sufficiente autonomia, e ha evidenziato la precarietà dell’esercizio del diritto alla mobilità, la cui attuazione dipende dal finanziamento della Regione.

Altri progetti sono allo studio dell’Assessorato e dei servizi Sociali, e testimoniano una attenzione concreta ai diritti dell’anziano e delle figure più deboli della nostra comunità.

La delegazione ha confermato la propria disponibilità a lavorare in sinergia con i Servizi Sociali, attraverso l’attivazione dell’Osservatorio permanente sulle problematiche della popolazione anziana e più debole.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.