Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consiglieri Perri e Russo: “Il comune di Vallecrosia tartassa le famiglie”

"I nostri cittadini non devono pagare per un servizio che non esiste ! Concludono Perri e Russo"

Vallecrosia. “Come tutti gli anni anche quest’anno sono state consegnate a casa di ogni singolo nucleo famigliare di Vallecrosia le cartelle delle Tari e quest’anno come già avevamo anticipato con preoccupazione mesi fa le cartelle sono cartelle da capogiro inversamente proporzionali ai servizi offerti : esordiscono i Consiglieri di Minoranza Fabio Perri e Russo Veronica.

Non è possibile tassare le famiglie e le poche attività commerciali rimaste in modo così esagerato a fronte dello scarso quasi inesistente servizio che oggi viene riconosciuto alla popolazione.

Non mancano di certo le continue lamentele da parte dei nostri cittadini che giustamente si ritrovano ad avere cassonetti distrutti in tutta la città con l’impossibilità dell’apertura a pedale, isole ecologiche stracolme, strade e marciapiedi che non vengono mai lavati e che ogni singolo commerciante deve pulire da solo per l’igiene comune, per non parlare di topi ed altri animali che per tutto il periodo estivo hanno popolato Vallecrosia come veri e propri cittadini a passeggio per le nostre strade.

Siamo stufi di questo servizio ormai inesistente, continuano Russo e Perri, ci chiediamo ma Voi cari Amministratori paghereste per non avere nulla in cambio?? Anzi paghereste per avere una città ridotta ai minimi termini di igiene e pulizia???

Siamo stufi di sentire che il calcolo Tari è un calcolo imposto che deve coprire il 100 per 100 del costo totale del servizio a causa dei non trasferimenti dello stato, ci spiegate che costo deve coprire se il servizio è pari a zero???

Pensate che oggi un cittadino di Vallecrosia che con sacrifici è riuscito a comprarsi un appartamento di 55/60 mq oggi si ritrova oltre al mutuo pagare una tassa rifiuti da capogiro di ben circa 400 euro ….ma vi sembra normale ? non parliamo delle categorie commerciali …..un pubblico esercizio di dimensioni minime arriva a pagare oltre 1500 euro ….assurdo cari signori ….

Ma l’Assessore al Bilancio il Dott. Maurizio Vichi ha eseguito un analisi dei costi che oggi il Comune di Vallecrosia spende a fronte del servizio di nettezza urbana??

Ha verificato gli sprechi così come i servizi che non vengono regolarmente svolti e per cui quindi il Comune non può e non deve pagare??

Alle nostre domande già poste in sede di Consiglio Comunale il Dott. Vichi aveva risposto che essendo noi come minoranza molto bravi a trovare le soluzioni ai problemi avremmo potuto allo stesso modo trattare con le aziende coinvolte.

A tali affermazioni continuano Russo e Perri vi è un’unica risposta in quanto non li abbiamo obbligati a fare gli Amministratori e amministrare significa prendersi cura della gestione di un bene e quindi prendersi cura della gestione di Vallecrosia, allo stesso modo gestire significa saper organizzare pianificare comportarsi e controllare quindi caro Dott. Vichi qualora solo uno di questi aggettivi è troppo per la sua attività di amministratore allora ha sbagliato attività perché sicuramente le cartelle che oggi sono state recapitate ai nostri cittadini sono solo segno di cattiva amministrazione, cattiva gestione, cattiva organizzazione, cattiva pianificazione e soprattutto cattivo controllo.

I nostri cittadini non devono pagare per un servizio che non esiste ! Concludono Perri e Russo.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.