Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Carcere di Imperia: detenuto tenta il suicidio in cella

"E’ da folli consentire una gestione simile"

Più informazioni su

Imperia. “Mi chiedo quando si porrà la parola fine agli eventi critici che caratterizzano la Liguria penitenziaria ed il più delle volte causati da detenuti con problemi psichiatrici.

Esterna amarezza la segreteria regionale del SAPPe il maggiore sindacato di categoria- nel prendere atto dell’ennesimo evento critico avvenuto all’interno dei reparti detentivi dell’istituto di Imperia – La cronaca di quel carcere, non ancora conclusa per il tentativo di evasione con aggressione ad un poliziotto da parte di un detenuto straniero, riemerge questa volta con un tentato suicidio sventato, per puro caso, dal poliziotto di turno.

Un detenuto italiano sottoposto a detenzione per reati di furto, ha tentato il suicidio mediante impiccagione. Il fatto è avvenuto intorno a mezzanotte odierne (23 settembre) orario in cui avviene il cambio turno del personale quindi un momento in cui la vigilanza è allentata.

Il detenuto è stato salvato in extremis ma la gravità delle sue condizioni hanno reso necessario il ricovero urgente presso l’ospedale di Imperia.

Un’altra vita umana salvata – commenta LORENZO – ma c’è un dramma nel dramma che s’individua nell’organico della Polizia Penitenziaria. Nel turno serale e notturno solo 3 agenti presenti nel reparto detentivo ed 1 al controllo monitor.

Per il SAPPe è aberrante consentire che il poliziotto di turno, per mancanza di personale, possa effettuare ben 16 ore di servizio continuativo, unica soluzione per trasportare e vigilare il detenuto ricoverato presso l’ospedale. Classico esempio della coperta corta, per coprire la testa scopriamo i piedi. continua il segretario regionale LORENZO Se questo coincide con il concetto di assicurare sicurezza nel carcere di Imperia dobbiamo solo vergognarci.

E’ follia consentire che un detenuto, che per ben tre volte ha tentato il suicidio, permanga in una struttura non idonea per la sua patologia. Se il detenuto avesse portato a compimento il suo gesto, sicuramente la Procura avrebbe indagato il poliziotto di servizio, invece le responsabilità sarebbero da ricercare nei vertici dell’Amministrazione che non attenziona questi fenomeni.

Non si può continuare così – afferma LORENZO – il personale di Polizia Penitenziaria di Imperia non ha più i numeri per assicurare sicurezza con una carenza di 17 unità che gravano negativamente su tutta l’organizzazione, già penalizzata dall’assenza di un direttore titolare, senza vice comandante e senza ispettori. Sino ad oggi nell’istituto di Imperia la Polizia Penitenziaria ha fronteggiato 60 eventi critici, sventato 7 suicidi, 32 autolesionismi e 4 risse. Se questo corrisponde o meno agli standard europei o italiani, devono avere il coraggio di dirlo pubblicamente.”

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.