Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alberto Alberti nuovo presidente degli industriali imperiesi


Imperia
. Cambio della guardia al vertice di Confindustria Imperia: il presidente Alessandro Bocchio, in carica da quattro anni, cede il posto ad Alberto Alberti. «Un segno di rinnovata attenzione degli industriali verso il settore agroalimentare», è quanto dicono in sede. E sul settore agroalimentare sembrano puntare gli imprenditori per cercare di rilanciare l’economia.

Il nome del nuovo presidente è stato ufficializzato nella serata di venerdì al termine del Consiglio direttivo dell’Unione degli industriali imperiesi, composto dai presidenti delle diverse sezioni. Nei prossimi giorni la nomina sarà ratificata dall’Assemblea dei soci.

Per Alberti si tratta di un «ritorno», in quanto aveva già ricoperto la presidenza degli industriali una decina di anni fa.

Sottolinea Alessandro Bocchio: «Condivido appieno la scelta di Alberto Alberti e so di lasciargli una macchina organizzativa che funziona molto bene, anche per merito del direttore Paolo Della Pietra e di tutto il personale. Il momento storico continua ad essere difficile e quindi anche le responsabilità non sono e non saranno lievi, ma Alberti è persona di esperienza e capacità e sarà quindi perfettamente in grado di affrontare le sfide che ci attendono».

Alberti, nel ringraziare i colleghi per la fiducia che ancora una volta gli è stata dimostrata, spiega: «La scelta fatta dal Consiglio direttivo, dimostra una rinnovata attenzione di Confindustria Imperia nei confronti del comparto agroalimentare di questo territorio. Del resto si tratta del settore che ancora riesce, seppur con difficoltà, a far fronte alla crisi. Il segreto? Principalmente l’esportazione. Oggi chi soffre meno è chi riesce a far giungerei suoi prodotti in Paesi che, a differenza dell’Italia, stanno uscendo o sono già usciti dalla crisi globale. L’economia va però affrontata con una visione complessiva e non possiamo dimenticare settori, come quello dell’edilizia, rappresentato da Bocchio, che, invece, stanno tuttora attraversando un momento molto difficile, soprattutto nel nostro territorio».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.