Quantcast

Trasgressori delle Ztl, fioccano le multe al Parasio di Imperia

Imperia. Piazza Parasio e Borgo Marina zone a traffico limitato (Ztl): dopo i primi giorni di tolleranza verso i trasgressori del divieto di transito, i vigili hanno cominciato a staccare le prime multe tra le molteplici proteste degli automobilisti.

Ieri sera al Parasio, c’era anche una presentazione di un libro, e a fine spettacolo sui parabrezza si sono ritrovati la contravvenzione staccata dal blocchetto delle multe.  “E’ un fioccare di automobilisti che circolano in zone vietate e controllate nella speranza di non incrociare la polizia municipale – spiegano al comando – Ma i controlli con l’inizio di luglio e agosto si sono rafforzati”.

I vigili urbani sono entrati in azione al Parasio da sempre una zona calda della città cominciando ad elevare contravvenzioni per chi non rispetta le regole. “Ci sono le telecamere sia al Parasio che a Borgo Marina – ricorda il vicesindaco Giuseppe Zagarella – per raggiungere quelle due zone della città ci sono i bus navetta e il trenino. Gli imperiesi devono capire che in quei due quartieri le auto non devono circolare e si possono raggiungere con i mezzi pubblici”.

Gli agenti della polizia municipale, dopo un periodo di tolleranza, ora sono passati all’azione. I turisti che hanno la seconda casa al Parasio devono comunicare l’orario di ingresso e di uscita, ma solo per il tempo strettamente necessario per posare borse e valigie. Chi sgarra viene multato.

E la Ztl miete “vittime” con cadenza ormai giornaliera anche alla Marina: “Non si capiscono le indicazioni, la gente parcheggia in buona fede – spiega una commerciante –, salvo poi trovare la sorpresa sul parabrezza”. In zona si avverte il malcontento tra i clienti dei locali pubblici e dei negozi. “Dove sono andate a finire le strisce bianche? – si chiedono in molti – Non dovrebbe essere garantito un equilibrio fra i due tipi di stalli all’interno di uno stesso quartiere?”.