Quantcast

Riccardo Borgo (Sib): “Cani in spiaggia ok ma rispettando igiene e sicurezza”

Imperia.. Anche i cani potranno andare in vacanza al mare con i loro padroni e scorrazzare liberamente sulle spiagge. Ad affermare un principio che renderà felici i proprietari degli amici a quattro zampe di tutta Italia è il Tar Lazio con la recente sentenza n.9302/2015, accogliendo il ricorso di un’associazione ambientalista contro il Comune di Anzio che, con ordinanza, aveva vietato l’accesso ai cani sulle spiagge libere.

Per il Tar l’ordinanza balneare è illegittima in quanto si limita ad imporre ai conduttori di animali un generalizzato off limits, senza “una motivazione che giustifichi tale scelta e senza specificare quali cautele comportamentali siano necessarie per la tutela dell’igiene delle spiagge, ovvero della incolumità dei bagnanti”. 

Riccardo Borgo, presidente nazionale del Sib, il Sindacato Bagni Marini, ha saputo da IVG.IT la sentenza del Tar e chiarisce. “E’ giusto che il cane possa seguire il suo padrone al mare. Io stesso ho un cane e capisco perfettamente le esigenze di un padrone. Ma occorre precisare che il cane può andare in spiaggia purché siano garantite le condizioni di igiene e di sicurezza. Inoltre – spiega Borgo – non è così semplice portare un cane al mare. Occorre riservargli un’area attrezzata con doccetta, zona ombreggiata e un recinto dove stare. L’allestimento ha certamente un costo e pure quello deve essere tenuto in considerazione”.

Secondo Borgo poi “portare invece il cane in una spiaggia libera in mezzo agli altri bagnanti sotto il sole di questi mesi non è neppure salutare per lo stesso animale e questo ragionamento convince lo stesso padrone magari a scegliere ore della giornata e luoghi diversi da una spiaggia libera affollata nei weekend. Quindi ben venga il cane in spiaggia ma con regole e disciplina di igiene e sicurezza”, ribadisce il presidente del Sib.