Quantcast

Mondiali U20 in Grecia, sesto posto per le azzurrine di Carrega

Battuta d'arresto con le padroni di casa che hanno vinto 12 a 7 contro il team di Paolo Zizza

Il giovane Setterosa perde 12-7 con la Grecia e chiude al sesto posto i campionati mondiali under 20 a Volos. Qunite le padrone di casa, campionesse europee in carica e bronzo ai mondiali 2013, che riescono ad imporsi nel quarto tempo, dopo 21 munuti giocati alla pari, e grazie anche a quattro rigori. A distanza di un anno Italia e Grecia si sono ritrovate avversarie in una finale giovanile e ha vinto ancora la Grecia: il 14 settembre del 2013 al Centro Federale di Ostia era finita 7-6 la finale per il titolo degli Europei U19.

Gara equilibrata. Nel primo tempo la Grecia si porta avanti due volte con due rigori: apre Elefhteria Plevritou al primo minuto e replica Giuditta Galardi al terzo dai due metri, di nuovo Elefhteria Plevritou e pareggio di Carolina Ioannou con un tiro dalla distanza. Nel secondo tempo è la Grecia che insegue il risultato: Roberta Marletta segna il sorpasso capitalizzando una superiorità numerica e ancora Plevritou, stavolta dalla distanza, va a segno. Un altro rigore, il terzo, consente alle elleniche di riportarsi a +1; al tiro la solita Plevritou e sono passati 17” del terzo periodo e la Grecia è avanti 4-3. Il giovane Setterosa non si lascia intimorire, guadagna la superiorità e fa 4-4 con Arianna Gragnolati al 19’01” di gioco. Si arriva a tre quarti di partita con la Grecia in vantaggio 6-5. La squadra ellenica riesce a portarsi sul + 2 (Eleni Xenaki e Elefhteria Plevritou) e l’Italia resta in scia con Arianna Gragnolati che firma la sua doppietta. Nell’ultimo quarto la Grecia ha il sopravvento: realizza 6 gol e guadagna il quarto rigore che Elefhteria Plevritou non sbaglia; guizzo d’orgoglio azzurro con Roberta Marletta e Alessia Morvillo nei 75 secondi finali. Finisce 12-7 ma questa squadra merita gli applausi.

Per l’Italia 2 gol Gragnolati, 2 Marletta, 1 Galardi, 1 Ioannou e 1 Morvillo; per la Grecia 7 gol Plevritou (4 rigori), 3 Xenaki, 1 Charalampidi e 1 Niarchakou.

GRECIA 12
ITALIA 7 (2-2, 1-1, 3-2, 6-2)

Italia: Sparano, Citino, Picozzi, Ranalli, Morvillo 1, Ioannou 1, Galardi 1, Carrega, Gragnolati 2, Marletta 2, Risso. All. Zizza.
Grecia: Diamantopoulou, Plevritou 7 (4 rig.), Chydirioti, Eleftheradiou, Niarchakou 1, Xenaki 3, Kalogerakou, Patra, Charalampidi I., Charalampidi S. 1, Stamatopoulou. All. Morfesis.

Arbitri Florestano e Zhang.

NOTE – Superiorità numeriche: Grecia 2/3 + 4 rigori e Italia 4/10. Uscita per limite di falli Patra (G) nel quarto tempo.

Il settimo posto è dell’Ungheria che ha vinto 11-10 con il Brasile. Alle 17.30 in acqua Canada e Russia per la medegalia di bronzo. La finale per l’oro è la stessa dell’edizione precedente, Spagna-Usa, fischio d’inizio alle ore 19.00. Nel 2013 vinsero gli Stati Uniti.