Bajardo, i migranti verranno impiegati in lavori socialmente utili

I profughi ospitati sono circa una trentina , per lo più di origine bengalese, sistemati presso la ex Caserma della Guardia Forestale in località Gianlui

Bajardo. Continua a infoltirsi la fila di Comuni imperiesi che impiegheranno migranti in lavoro socialmente utili. Nel caso del Comune della ex Comunità Montana Intemelia, i profughi ospitati sono circa una trentina , per lo più di origine bengalese, sistemati presso la ex Caserma della Guardia Forestale in località Gianlui.

Per accedere ai lavori di volontariato i migranti:

– devono aver presentato istanza per il riconoscimento della protezione internazionale presso la competente Commissione Territoriale;

– devono sottoscrivere il patto di volontariato;

– devono richiedere l’adesione ad un’associazione e/o organizzazione operante nel territorio dell’ambito ospitante, secondo le regole indicate dagli Statuti e dagli atti organizzativi interni delle stesse.