Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Toti: “Emergenza rifiuti frutto perverso del precedente immobilismo”

"Lavoreremo in tal senso, per dotare la Liguria, nel più breve tempo possibile, di un sistema autonomo e moderno"

Più informazioni su

Genova. “L’emergenza che la Regione Liguria rischia di dover affrontare sul fronte dei rifiuti e’ il frutto perverso di dieci anni di totale immobilismo della precedente amministrazione su questo fronte” . Così’ il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, interviene sull’emergenza dello smaltimento rifiuti e sulla richiesta di collaborazione avanzata ad altre regioni. “Non solo la precedente giunta regionale   non si è dotata, in ben due lustri, di un sistema di smaltimento efficace e moderno tale da essere autosufficiente; non solo non è stata in grado di produrre risultati accettabili sul fronte della differenziata; non solo si è affidata al solo sistema delle discariche, oggi chiuse per i gravi effetti che producono sull’ambiente, ma non è stata in grado neppure di lasciare in eredità un sistema minimamente efficace di gestione delle emergenze – ha detto Toti – Per questo, un banale ritardo relativo ad un’ autorizzazione amministrativa del termovalorizzatore di Torino, attraverso il quale vengono smaltiti i rifiuti liguri, rischia di produrre una crisi del sistema. Per questo, ringraziando la Regione Piemonte e il suo Presidente Chiamparino per quanto fanno quotidianamente in nostro supporto, abbiamo chiesto ad altre regioni, in particolare all’Emilia Romagna e alla Lombardia, la disponibilità ad accogliere per il trattamento finale una certa quantità di rifiuti per un periodo di circa 70 giorni”.

“È evidente – ha concluso il presidente della Regione Liguria – che si tratta di una soluzione di assoluta emergenza, dovuta a una sottovalutazione del problema e all’ assenza totale di progetto addebitabile esclusivamente alla miopia della amministrazione che ci ha preceduto e a cui stiamo cercando di porre rimedio, pur essendo in carica da poco più di un mese. È chiaro a tutti che un corretto ciclo dei rifiuti dovrebbe prevedere l’autosufficienza di ogni regione : lavoreremo in tal senso, per dotare la Liguria, nel più breve tempo possibile, di un sistema autonomo e moderno”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.