Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, festeggiamenti per la conclusione del progetto di Pet Therapy per gli infortunati sul lavoro

Per valorizzare le potenzialità residue del lavoratore, particolarmente efficace si è dimostrato intervenire sugli aspetti relazionali, che sono indeboliti dal trauma dell’incidente

Sanremo. Ieri, mercoledì 1 luglio, si è concluso, con un momento di festa, il percorso di Pet Therapy, al quale hanno attivamente preso parte otto infortunati sul lavoro, tutelati dall’Inail, e alcuni volontari della Associazione “Integrabili”. I diversi partecipanti sono stati protagonisti – a partire dal 15 gennaio– di un ciclo di 10 incontri riabilitativi basati sulla metodologia di “Pet Therapy”.

Attività cognitive teorico- pratiche con i cani (di proprietà degli Utenti e non) ed altri animali, incontri tenuti nella sede dell’Associazione Integrabili presso le ex Scuderie del Sole a Sanremo, visite al campo di educazione cinofila e alla fattoria didattica, nonché al Canile La Cuccia di Imperia, unite all’esperienza diretta presso la Casa di Riposo Demora di Borgomaro sono state alcune tra le novità previste dal percorso del progetto INAIL “Pet Therapy: una risorsa in più” rivolto alle persone invalide a seguito di infortunio sul lavoro. Il prezioso contributo, per la parte tecnica, degli operatori della Associazione Onlus Pet Team di Imperia ha reso possibile tale iniziativa.
Un notevole risultato ottenuto con la collaborazione, ormai consolidata tra la Sede INAIL e l’Associazione “Integrabili”- che ha messo a disposizione, a titolo gratuito, i propri locali- e la professionalità della Pet Team Onlus di Imperia.

Un passo avanti compiuto nel percorso che l’INAIL ha da tempo avviato per migliorare la qualità di vita dei lavoratori infortunati, da perseguire con il loro reinserimento lavorativo e sociale e nelle aree di relazione, per completare la protezione, non solo economica, dei propri assicurati.

Per valorizzare le potenzialità residue del lavoratore, particolarmente efficace si è dimostrato intervenire sugli aspetti relazionali, che sono indeboliti dal trauma dell’incidente e dalla condizione di disabilità dell’infortunato.

Il cane, animale molto sociale, può rafforzare proprio tali aspetti .“Migliorare la qualità della vita e del proprio benessere, post-infortunio, grazie a percorsi riabilitativi, come questo di pet therapy, - è il punto di vista del responsabile dell’INAIL imperiese, Amedeo Iennaco – è l’impegno che come istituto assicuratore portiamo avanti, affinché chi riporta danni spesso irreversibili alla propria integrità fisica e psichica a causa del lavoro possa riprendere la propria vita con nuove prospettive e punti di forza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.