Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, al via le celebrazioni per il 150° Anniversario del Corpo delle Capitanerie di Porto foto

Il giorno 10 luglio si svolgerà la Cerimonia di intitolazione del “Piazzale della Guardia Costiera” in località Giardini Vittorio Veneto

Sanremo. Il Centoncinquantesimo Anniversario del Corpo delle Capitanerie di Porto verrà celebrato anche al Casinò nell’ambito della rassegna “Una sera con i Martedì Letterari”.

Con l’adesione del Presidente della Repubblica sarà un grande evento dove Storia, Arte, Musica e Letteratura si compenetrano.

Il preludio sarà alle 18 , a Porta Teatro, con l’inaugurazione della mostra “L’uomo e il Mare” del maestro Mario Borella. Quindi, nel Teatro dell’Opera, si aprirà la cerimonia con l’intervento musicale del Maestro Alessandro Melone. Dopo i saluti istituzionali verrà consegnata l’opera “Gli angeli del Mare” creata dal Maestro Borella.

Le relazioni sulla storia ma anche sui valori e sull’impegno della Guardia Costiera verranno affidati al Contrammiraglio (cp) ausiliario Vittorio Alessandro, all’Ammiraglio Ispettore (cp) Giuseppe Telmon, Medaglia d’Oro al Valor di marina, introdotto dal Tenente di Vascello (cp) Danieli, dall’Ammiraglio Ispettore capo Luigi Romani, già ispettore Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto. Terrà la prolusione finale l’Ammiraglio Ispettore (cp) Vincenzo Melone, Direttore marittimo della Liguria.

All’interno del teatro si potranno ammirare gli elaborati delle scuole primarie cittadine effettuati nell’ambito del concorso “La Guardia Costiera è anche mia”. Il concerto dell’Orchestra Sinfonica concluderà l’evento.

Inoltre il giorno 10 luglio si svolgerà la Cerimonia di intitolazione del “Piazzale della Guardia Costiera” in località Giardini Vittorio Veneto.

Il Contrammiraglio Vittorio Alessandro ripercorrerà la storia del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera dal 1865 fino ai giorni nostri , un viaggio nell’esemplare impegno del Corpo a servizio dalla gente del mare ed anche di chi, ieri come oggi, affronta lunghi viaggi della speranza.

Illustrerà queste tematiche anche attraverso il suo libro “Puntonave” ,dove ha annotato per anni le impressioni di una vita passata sul mare, in mezzo a uomini impegnati ogni giorno a prestare soccorso, a intervenire nei disastri naturali e in quelli provocati dal poco senso di responsabilità.
Ha così redatto un diario di bordo nel quale i fatti di attualità, si mescolano a ricordi personali dell’infanzia in Sicilia, agli incontri nei porti, a storie sentite sui pontili. Sono spesso ricordi struggenti in una rotta esistenziale che un uomo di mare si è dato per riflettere sui fatti della vita e sui suoi valori.
L’ammiraglio ispettore Giuseppe Telmon riporterà il pubblico a ricordare le operazioni di salvataggio della “London Valour”, che lo videro impegnato in prima persona.
Il naufragio della London Valour avvenne a Genova il 9 aprile 1970. Il piroscafo mercantile London Valour, battente bandiera inglese, naufragò all’imboccatura del porto di Genova: il cargo affondò a poche decine di metri dall’ingresso nello scalo marittimo, dopo aver urtato contro gli scogli a protezione della diga frangiflutti, a causa di una forte mareggiata. Nel disastro persero la vita venti membri dell’equipaggio, in gran parte di nazionalità indiana e filippina. Le operazioni di soccorso furono effettuate con condizioni meteo proibitive. L’unica imbarcazione che riuscì a raggiungere la London Valour fu la motovedetta CP 233 della Capitaneria di Genova, e fu possibile solo per la grande professionalità e il coraggio dei membri dell’equipaggio.

L’allora tenente di vascello, Giuseppe Telmon e i suoi sette uomini furono poi insigniti, per il loro gesto eroico con la Medaglia al valore di Marina, d’oro per il comandante, d’argento per l’equipaggio. Riuscirono, incuranti del pericolo, a portare in salvo ben 26 persone.
E’ uno degli episodi di grande abnegazione della Guardia Costiera ligure, rimasto cesellato nella storia della Marina Italiana.

La parte razionare proseguirà con l’ammiraglio Luigi Romani che si soffermerà sul’esperienza maturata alla guida del Corpo delle Capitanerie di Porto. L’Ammiraglio Vincenzo Melone, Direttore Marittimo della Liguria, alla guida delle capitanerie della Liguria terrà le conclusioni finali.

Il Contrammiraglio Vittorio Alessandro ripercorrerà la storia del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera dal 1865 fino ai giorni nostri , un viaggio nell’esemplare impegno del Corpo a servizio dalla gente del mare ed anche di chi, ieri come oggi, affronta lunghi viaggi della speranza.

Illustrerà queste tematiche anche attraverso il suo libro “Puntonave” ,dove ha annotato per anni le impressioni di una vita passata sul mare, in mezzo a uomini impegnati ogni giorno a prestare soccorso, a intervenire nei disastri naturali e in quelli provocati dal poco senso di responsabilità.
Ha così redatto un diario di bordo nel quale i fatti di attualità, si mescolano a ricordi personali dell’infanzia in Sicilia, agli incontri nei porti, a storie sentite sui pontili. Sono spesso ricordi struggenti in una rotta esistenziale che un uomo di mare si è dato per riflettere sui fatti della vita e sui suoi valori.

L’ammiraglio ispettore Giuseppe Telmon riporterà il pubblico a ricordare le operazioni di salvataggio della “London Valour”, che lo videro impegnato in prima persona.

Il naufragio della London Valour avvenne a Genova il 9 aprile 1970. Il piroscafo mercantile London Valour, battente bandiera inglese, naufragò all’imboccatura del porto di Genova: il cargo affondò a poche decine di metri dall’ingresso nello scalo marittimo, dopo aver urtato contro gli scogli a protezione della diga frangiflutti, a causa di una forte mareggiata. Nel disastro persero la vita venti membri dell’equipaggio, in gran parte di nazionalità indiana e filippina. Le operazioni di soccorso furono effettuate con condizioni meteo proibitive. L’unica imbarcazione che riuscì a raggiungere la London Valour fu la motovedetta CP 233 della Capitaneria di Genova, e fu possibile solo per la grande professionalità e il coraggio dei membri dell’equipaggio.

L’allora tenente di vascello, Giuseppe Telmon e i suoi sette uomini furono poi insigniti, per il loro gesto eroico con la Medaglia al valore di Marina, d’oro per il comandante, d’argento per l’equipaggio. Riuscirono, incuranti del pericolo, a portare in salvo ben 26 persone.
E’ uno degli episodi di grande abnegazione della Guardia Costiera ligure, rimasto cesellato nella storia della Marina Italiana.

La parte razionare proseguirà con l’ammiraglio Luigi Romani che si soffermerà sul’esperienza maturata alla guida del Corpo delle Capitanerie di Porto. L’Ammiraglio Vincenzo Melone, Direttore Marittimo della Liguria, alla guida delle capitanerie della Liguria terrà le conclusioni finali.

Alcune Dichiarazioni

Il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri:” E’ un momento importante, come importante è il significato della Capitaneria per la tutela del territorio. In quest’anno di amministrazione posso dire che il lavoro svolto è andato anche oltre, con il coinvolgimento delle scuole e dei ragazzi con un’intensa opera di sensibilizzazione.
Ringrazio il Comandante Pierpaolo Danieli per l’impegno profuso e per aver coinvolto tutti in questo Anniversario. La nostra città, la Riviera deve molto al Corpo delle Capitanerie ed è splendido poter condividere questa giornata, prima con l’intitolazione sul Piazzale Vesco alla presenza anche di S.E. Il Vescovo e poi con la cerimonia nel teatro dell’Opera del Casinò, un momento di coesione. ”

Ing. Giancarlo Prestinoni, Direttore Generale Casinò di Sanremo:
“Partecipiamo con slancio a questo importante anniversario i Centocinquanta anni del Corpo delle capitanerie di porto-Guardia Costiera, vanto per l’Italia, simbolo del valore della nostra Marineria, 150 anni di servizio alla gente di mare e ai cittadini, 150 anni di sacrificio, di professionalità di abnegazione, di salvataggi e di quotidiana operosità.
E’ un anniversario che ci vede tutti coinvolti, perché tutti siamo grati al servizio della Guardia costiera, soprattutto noi che viviamo accanto al mare.
Con vero piacere e con onore quindi abbiamo inserito nella rassegna letteraria estiva: “ Una sera con i Martedì Letterari” questa data da ricordare, un compleanno importante che la Capitaneria di Sanremo ha voluto festeggiare nel nostro teatro in collaborazione con il Comune e con la Famja Sanremasca.”

Tenente di Vascello Pierpaolo Danieli, Comandante Capitaneria di Porto di Sanremo:
“ E’ un anniversario eccezionale, che viviamo in maniera intensa soprattutto perché il legame tra Sanremo e la Guardia costiera è stato sempre molto stretto già nel periodo preunitario. Devo ringraziare il sindaco Alberto Biancheri , l’assessore Daniela Cassini, l’assessore Marco Menozzi, il consigliere Giuseppe Faraldi per la fattiva collaborazione, ma anche il Casinò, con il presidente Gian Carlo Ghinamo, il Cda, il Direttore Generale, la Famja Sanremasca perché abbiamo avuto da tutti una grande dimostrazione di affetto e di vicinanza. Un grazie particolare all’artista Mario Borella per aver creato appositamente un’opera intensa, magistralmente dipinta, dedicata alla Guardia Costiera e che potremmo ammirare nella splendida mostra, che verrà inaugurata il 10 luglio.””

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.