Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Enrico Meini: “Si ai controlli nei panifici ma non demonizziamo la categoria”

Intanto a fronte dei sempre più numerosi adempimenti richiesti, la Confartigianato di Imperia si mette a disposizione per offrire alle singole aziende del settore un check up gratuito in materia di sicurezza ed igiene alimentare

Più informazioni su

Imperia. “La Confartigianato di Imperia è da sempre una sostenitrice dei controlli, mirati a verificare eventuali situazioni irregolari, ma al tempo stesso respinge che tali sospetti ricadano indistintamente su un’intera categoria”. A dichiararlo è il neo presidente della Confartigianato Enrico Meini. La riflessione nasce dai recenti accertamenti in tema di sicurezza alimentare su laboratori artigianali, in particolare panifici, che hanno avuto grande rilevanza.

“Il settore dei panificatori, oggetto della discussione, si è sempre distinto per la qualità dei prodotti offerti alla clientela e per il rispetto delle norme in materia – ha aggiunto Meini – Per questo appare inappropriato l’accostamento di questa categoria, in maniera indistinta, a contesti di non conformità”.

Quello su cui bisogna ancora insistere, in tema di controlli da parte delle forze dell’ordine e delle autorità preposte, è invece il dilagante abusivismo commerciale. Una problematica che, oltre a costituire una concorrenza sleale e a non garantire la necessaria qualità dei prodotti offerti (dalle borse ai tatuaggi, dai fiori ai capi di abbigliamento, ecc), va ad arricchire la criminalità organizzata come più volte sottolineato dagli organi di informazione.

Le strade dell’estremo ponente ligure sono frequentate da tantissimi venditori abusivi che, incuranti di Leggi sanitarie, lavorative, produttive e fiscali, avvicinano ripetutamente i turisti che con la stagione estiva giungono in riviera per trascorrere le vacanze. Una realtà che, oltre a tutto, non offre una bella immagine per un territorio turistico quale è il nostro.

“L’appello alle Istituzioni – ha concluso Enrico Meini – è quindi quello di proseguire nei controlli per accertare eventuali condotte inadeguate, senza però che tutto questo possa arrecare una pubblicità negativa, in maniera indiscriminata, al tessuto economico. Ricordiamo infatti che la realtà produttiva locale è costituita principalmente da piccole e medie imprese, che dovrebbero essere difese dai numerosi problemi che le affliggono come, ad esempio, proprio l’abusivismo”.

Intanto a fronte dei sempre più numerosi adempimenti richiesti, la Confartigianato di Imperia si mette a disposizione per offrire alle singole aziende del settore un check up gratuito in materia di sicurezza ed igiene alimentare. Il fine è quello di verificare insieme all’imprenditore se la documentazione in suo possesso è conforme alla normativa vigente, o se vanno effettuate eventuali integrazioni. Le aziende che fossero interessate possono contattare la Confartigianato telefonando al numero 0184/524501, oppure scrivendo una mail all’indirizzo formazione@confartigianatoimperia.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.