Sporcizia, sicurezza e promozione, la Confcommercio “striglia” il sindaco di Imperia

Imperia. Sporcizia, degrado, ma anche sicurezza con una escalation di furti e di episodi legati alla microcriminalità. E ancora scarsa promozione dell’immagine di Imperia non solo in città, ma anche al di fuori dei confini provinciali e regionali. Sono i temi caldi che la Confcommercio di Imperia ha scritto in un documento consegnato stamane al sindaco di Imperia Carlo Capacci. 

Ad accompagnare Marco Gorlero, il presidente di Confcommercio Imperia, c’era una delegazione di dirigenti e imprenditori cittadini. “Quello che desideriamo da questa amministrazione comunale – dice Gorlero – che ci dia delle risposte certe su come intende procedere su alcune tematiche che sono prioritarie per il futuro della città. La pulizia sta alla base di tutto. Una città accogliente e per di più sicura può essere una forte attrattiva per i turisti che decidono di trascorrere le vacanze nella nostra città. Purtroppo notiamo che manca anche una certa programmazione nella promozione dell’immagine all’esterno della Riviera. Qualcosa insomma andrebbe fatto”.

Eccolo il documento consegnato al sindaco. “La Confcommercio Imprese per l’Italia di Imperia, ha svolto un monitoraggio di tutte le zone della nostra città, per acquisire, dagli imprenditori presenti sul territorio, suggerimenti di sviluppo e segnalazioni di problemi che arrecano nocumento al regolare svolgimento delle attività in particolare per quanto riguarda la qualità dell’ambiente cittadino in cui gli operatori commerciali conducono il proprio esercizio.
Le sottoponiamo le problematiche che seguono, chiedendoLe di voler intervenire in maniera incisiva e tempestiva, al fine di dare un segnale di ripresa alle attività cittadine.

PROBLEMATICHE RISCONTRATE E RICHIESTE
DEGRADO URBANO – PULIZIA CITTADINA – RACCOLTA RIFIUTI

1. I Portici del Centro di Oneglia, versano in condizioni incresciose, non degni di una città che VORREBBE avere una vocazione turistica.
Chiediamo un intervento molto urgente per una decorosa riqualificazione.

2. I portici di Calata Cuneo, versano in pessime condizioni, nonostante gli esercenti tentino di mantenerli presentabili.
Il piano di riqualificazione presentato alla Sovrintendenza delle Belle Arti, deve essere sollecitato e portato a compimento.

3. Le Vie dei centri storici e commerciali sono SPORCHE
4. I lavori di Castelvecchio, nonostante dovessero essere ultimati ad aprile, sono ancora ben distanti dall’essere completati.
5. Il livello di degrado non risparmia neanche le frazioni.
6. Tutti i rioni di Imperia (Parasio – Foce – Marina – Prino- Spianata) necessitano di una operazione di riqualificazione e devono essere monitorati e preservati da attività di teppismo e dal degrado.
7. A stagione balneare ormai iniziata le spiagge pubbliche necessitano ancora di manutenzione ordinaria.
8. La Raccolta Rifiuti è insufficiente e mal organizzata.

Siamo consci del Problema TRADECO, ma non possono essere i Cittadini e gli Esercenti, che pagano un Servizio NON EFFETTUATO, ma soprattutto i turisti, a subire gli effetti di scelte errate.

Auspichiamo un immediato piano di razionalizzazione del servizio di spazzamento e Raccolta Rifiuti. Gli Esercenti sono pronti a fare la loro parte, ma desiderano ricevere per quanto pagano!

L’Amministrazione Comunale trattiene alla Tradeco il compenso per i Servizi non effettuati, perché gli utenti finali devono pagare per un servizio inesistente?

​Utilizziamo le entrate derivanti dalle tasse per pagare chi fornisce servizi efficienti!

ORDINE PUBBLICO

1. I Giardini Toscanini sono perennemente presidiati da BALORDI, che bivaccano, espletano i loro bisogni fisiologici, A TUTTE LE ORE DEL GIORNO E DELLA NOTTE con evidenti segni di degrado persistenti anche durante i momenti di assenza dei “protagonisti”.
Questa situazione è insostenibile! Chiediamo un immediato intervento per il ripristino della legalità, per garantire a Cittadini e Turisti di vivere e frequentare la nostra città con la dovuta serenità. Una volta ripuliti, i Giardini Toscanini potrebbero essere adibiti, oltre che a spazio giochi per i piccoli, ad area attrezzata per esposizioni permanenti (l’Area delle ex carceri potrebbe essere adibita ad area mostre);
(I giardini potrebbero essere attrezzati per ospitare la zona Mercatini Artigianali in modo non da intasare le Vie (l’unica) Cittadine, già congestionate dal traffico).
In questo modo si avrebbe un presidio permanente ove scongiurare il ritorno di balordi e si offrirebbe un biglietto da visita DECOROSO E ORDINATO, ben diverso dalle attuali condizioni, a chi arriva ad Imperia col treno, vista la vicinanza con la stazione F.S.

2. Segni di degrado vengono riscontrati inoltre sotto i Portici di Via Bonfante o in altre zone dei centri storici in cui i soggetti summenzionati si trasferiscono per chiedere l’elemosina, aggiungendosi agli altri questuanti presenti (soprattutto nei giorni di Mercato).

3. Parco Urbano: pensato come punto di forza di Imperia, porta ormai i segni del degrado ed è sede di fortuna per soggetti di ogni tipo. E’ necessaria una urgente valorizzazione del luogo, la messa in sicurezza del parcheggio, che deve essere correttamente segnalato, il ripristino dell’illuminazione e lo smantellamento definitivo degli insediamenti abusivi.

AUMENTO DELLA SORVEGLIANZA

Chiediamo il ripristino delle Pattuglie di Quartiere, che anni fa già operavano, offrendo un servizio di Ordine Pubblico molto POSITIVO e un preciso punto di riferimento per Cittadini ed Esercenti.

VIABILITA’ E PARCHEGGI

Chiediamo inoltre più illuminazione nei parcheggi liberi in prossimità dei centri storici di Oneglia e Porto Maurizio e delle zone turistiche (Marina – Prino – Foce) in modo da renderli fruibili e non pericolosi anche nelle ore notturne.

1. Viabilità
La viabilità rappresenta un problema per la fruizione del centri commerciali naturali e delle zone turistiche.

Chiediamo una studio di fattibilità per decongestionare i centri cittadini e collegare in maniera adeguata le zone meno centrali e le frazioni Si potrebbe attivare una borsa di studio con l’Università per progetti sostenibili da collegare con la promozione turistica della città.

2. Parcheggi
Chiediamo (oltre all’illuminazione per questioni di sicurezza) la manutenzione delle aree di sosta libere esistenti e la ricerca di nuove soluzione in prossimità dei centri storici di Oneglia e Porto Maurizio.

Chiediamo inoltre la possibilità di fruire di abbonamenti per i parcheggi interrati in modo da liberare aree di parcheggio a raso.

Riteniamo indispensabile predisporre una adeguata segnalazione delle zone di sosta sia a pagamento sia libere con l’indicazioni dei posti liberi come avviene nelle principali città.

ARREDO URBANO

1. Piano dei Dehors – utilizzo del suolo Comunale
Il Piano dei Dehors è da rivedere ed integrare per offrire una Città moderna ed accogliente in tutte le stagioni dell’anno favorendo l’esercizio delle attività commerciali e dei pubblici esercizi.

2. Manutenzione strade e giardini.
Una corretta e continua manutenzione della cosa pubblica, renderebbe sicuramente più gradevole l’aspetto della Città. Auspichiamo in tal senso la creazione di una squadra di manutentori che possano rispondere prontamente alle segnalazioni di cittadini ed esercenti.

PIANIFICAZIONE e PROMOZIONE TURISTICA

1. Calendario Eventi anticipato e coordinato
Il Calendario delle Manifestazione DEVE essere coordinato ed anticipato per realizzare una adeguata attività di promozione delle iniziative stesse e di quelle collaterali, in modo da consentire un ritorno in termini economici e di visibilità alle attività commerciali e turistiche, nonché al buon nome della Città tutta.

Le Manifestazioni devono essere coordinate sotto una unica regia e divulgate a tutti gli operatori in tempo utile per promuovere le proprie attività ed accogliere i partecipanti ed i turisti nel miglior modo possibile.

La Pianificazione deve tener conto delle contemporaneità delle iniziative insistenti nelle località limitrofe, in modo da rendere organica una NECESSARIA PROMOZIONE DEL TERRITORIO non solo cittadino, ma comprensoriale.

Le attività collaterali, che i singoli possono proporre, dovrebbe essere facilitate ed incentivate (anziché burocratizzate) in modo da proporre una pluralità di interventi coordinati con l’iniziativa principale.

Le Manifestazioni da promuovere DEVONO essere sempre più qualificanti e di livello per poter sempre meglio valorizzare il nostro straordinario territorio ed i nostri prodotti unici e di qualità.

CLIMA, PARCO URBANO, PISTA CICLABILE DEVONO ESSERE I PUNTI DI FORZA E LO SLOGAN PER IL RILANCIO DI IMMAGINE DI IMPERIA

Gli esercenti sono pronti a mettersi in gioco e fare la loro parte; la Pubblica Amministrazione dovrebbe essere il Partner principale ed agevolare le iniziative a favore di tutta la collettività.

GLI INTERVENTI RICHIESTI DOVONO TROVARE UN RISCONTRO IMMEDIATO

Molte delle segnalazioni e dei suggerimenti descritti sono stati già sottoposti alla Sua attenzione durante l’incontro tenutosi presso il Palazzo Comunale il giorno 5 marzo scorso. Ribadiamo che si rendono più urgenti di giorno in giorno. Riteniamo indispensabile passare ad una fase operativa che dia al cittadino e al commerciante la certezza che l’Amministrazione Comunale sta lavorando per migliorare lo stato delle cose.

E la risposta del sindaco Carlo Capacci non é tardata ad arrivare: “Noi cercheremo di rispondere alle richieste avanzate dalla Confcommercio. Per il discorso degrado e pulizia é inutile ricordare che con la Tradeco c’é una rottura in atto e soprattutto non è più attendibile. Intendiamo quindi rescindere il contratto passando attraverso una fase transitoria cioè che venga garantito comunque il servizio. Le penali, cioé le somme trattenute alla Tradeco, non possono essere impiegate in altro modo almeno per ora. Ma dovranno tornare sicuramente nelle tasche dei cittadini. In questo momento sono “congelate”. Lo spazzamento nella fase transitoria comunque sará garantito”.

Sulla sicurezza i commercianti chiedono più controlli. “Le risorse sono quelle che sono – risponde il sindaco – anche i carabinieri e la polizia devono far fronte ai tagli”. Ma il sindaco parla anche di volontari che possano controllare la città. ” Non sono ronde – si affretta a dire il sindaco – magari ex carabinieri in congedo”. Ma i commercianti gli hanno anche ricordato che l’ordinanza anti accattonaggio non è mai stata fatta rispettare o solo in minima parte.

Per quanto riguarda la viabilitá? “Dobbiamo cercare di abituare gli imperiesi ad usare bici e mezzi pubblici. La viabilitá è quello che vediamo tutti. Con la dismissione della ferrovia avremo una strada in più per Imperia. Vero che i lavori alla rotonda di Castelvecchio sono in ritardo, ma sono cominciati”.

Il sindaco é d’accordo che gli uffici Iat non vengano chiusi. “Sono d’accordo con i commercianti affinché la Regione non li chiuda”.