Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Record per la polizia di frontiera: arrestati quattro passeur in 24 ore, tra loro anche una donna

Ventimiglia. Che la Polizia di Frontiera di Ventimiglia sia una presenza costante lungo la linea confinaria è noto; che gli Agenti operanti siano particolarmente attenti e professionalmente preparati anche,  ecco dunque che la somma delle due cose si traduce in arresti: ben 4  nell’arco di ventiquattro ore.

E’ risaputo che il denaro facile fa gola a molti e lucrare sulla disperazione dei migranti, disposti a pagare almeno 50 euro ciascuno per varcare la frontiera e raggiungere la Francia, diventa un “lavoro” facile.

Ecco dunque che per ben due volte in un solo giorno, i Poliziotti del Settore hanno posto in essere specifici servizi finalizzati a stroncare un traffico costante che vede la sua “base” alla stazione ferroviaria di Ventimiglia. E’ proprio in  stazione, dove ogni giorno giungono decine di stranieri provenienti dal sud Italia,  che  vengono contattati da passeur – spesso provenienti dalla Francia- che prospettano loro la possibilità di lasciare l’Italia dietro compenso.  In quest’ottica, sono stati predisposti mirati servizi, anche in abiti civili, al fine di intercettare i passeur, verificare personalmente le trattative e seguirli  discretamente  fino alla barriera autostradale per poi bloccarli.

In un arco temporale assai breve ecco dunque tratti in arresto per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina una coppia di fidanzati francesi residenti a Nizza: B. S. , una donna di 28 anni che molto abilmente sorvegliava barriera autostradale, facendo  avanti e indietro dalla bretella con la sua Renault Clio per accertarsi che non ci fossero auto della Polizia e dare l’ “OK” al fidanzato. Non accortasi degli Agenti in borghese, al quarto giro di “ispezione” , sopraggiungeva il suo compagno S.F. algerino di 32 anni,  alla guida di una Chrysler Grand Voyager al cui interno si trovavano ben 9 cittadini siriani tra i quali una bimba di soli 9 anni alla quale, successivamente,  il personale femminile del Settore prestava particolare attenzione, rifocillandola e tranquillizzandola.

Tempestivamente bloccati dagli Agenti, venivano condotti presso gli uffici del Settore dove venivano tratti in arresto e successivamente condotti al carcere di Genova-Pontedecimo la donna e Imperia.

Poche ore dopo gli Agenti del Settore arrestavano, sempre per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, B.A. , algerino di 25 anni e B.M.E., egiziano di 30 anni. Anche in questo caso le manette sono scattate dopo attenta attività di indagine; seguiti dalla stazione fino alla barriera autostradale, sono stati fermati a bordo di una Golf con targa francese all’interno della quale si trovavano due sedicenti siriani.

In entrambe le situazioni gli stranieri sono stati presi a verbale, con l’ausilio di un interprete, dalle cui dichiarazioni  sono emerse le modalità di approccio e la somma concordata di euro 50 ciascuno per essere trasportati oltre confine. Anche in questo caso gli arrestati sono stati condotti al carcere di Imperia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.