Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il cieco di Gerico … – Il servizio e l’umiltà dei volontari

Il servizio di cui parla il Vangelo è un’altra cosa: la differenza sta nella motivazione e nell’atteggiamento interiore con cui il servizio è svolto

Più informazioni su

Questa volta, amici lettori, mi rivolgo a coloro che si prendono cura di voi. Mancano una decina di giorni: si torna a Lourdes! A compiere un servizio!

Servizio è un termine abusato e non ne comprendiamo più il reale significato; il commerciante offre un servizio ai clienti, il dipendente presta servizio il tal giorno dalle/alle, e così via, ma tali servizi sono svolti in vista di un compenso. Il servizio di cui parla il Vangelo è un’altra cosa: la differenza sta nella motivazione e nell’atteggiamento interiore con cui il servizio è svolto.Esso è un atto di carità, cioè di quell’amore che non cerca il proprio interesse: è fatto di donazione. Diventa imitazione dell’agire di Dio.

Gesù dice – attraverso Lc 22,26 – che chi governa deve essere come colui che serve, e chi è il primo deve essere il servo di tutti – dice in Mc 10,44.

Accanto alla gratuità il servizio richiede un’altra caratteristica: l’umiltà. Mi viene subito in mente la lavanda dei piedi: Cristo, da creatore, si è inginocchiato dinnanzi alle sue creature e dice: dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri, che vuol dire renderci vicendevolmente servizi di umile carità. Ma, mi domando, io svolgo realmente un servizio di amore e umiltà, oppure mi servo dei fratelli per appagarmi? Se cerco il plauso o la soddisfazione interiore di sentirmi un benefattore, allora il mio servizio non è disinteressato!

Nemmeno la carità è completa se ci sono servizi che compio volentieri e altri che cerco di evitare. Quelli più sicuri, a tal punto, sono i servizi che compiamo senza che nessuno se ne accorga.

Anche l’attaccamento eccessivo alle proprie comodità e abitudini stride col servizio: ci si fa un idolo del proprio tempo libero! Dunque “servizio per i cristiani significa non vivere più per se stessi” (2Cor. 5,15).

Pare eccessivo? Ma nessuno di noi è perfetto; l’importante è affidarsi a Dio e chiedere che ci sostenga nel servizio, consapevoli che con il servire i sofferenti proclamiamo la nostra fede in Lui. Martedì prossimo mi ripropongo di completare l’argomento con un’altra puntata, incentrata sull’Eucaristia, che ci al servizio. Buona settimana.

(di Henricus Otten)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.