Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Emergenza profughi, continua il presidio al confine

Ventimiglia.Notte sotto la pioggia a Ventimiglia dove continua il braccio di ferro tra i profughi sudanesi e eritrei, ma anche della Gambia che da giorni tentato di superare il confine.

Alcuni immigrati hanno dormito sulla scogliera sotto la stretta vigilanza della gendarmeria. Oltrepassare la linea di confine e andare a Mentone è praticamente impossibile. E due giovani profughi nella notte appena trascorsa sono stati salvati dopo aver tentato una disperata fuga in mare.

Al valico di frontiera di Ventimiglia la polizia francese continua a respingere verso l’Italia gli stranieri perché privi di documenti. Secondo quanto riferito dalla questura di Imperia, molti di loro avrebbero rifiutato di farsi identificare in Italia perché sarebbero stati costretti a chiedere asilo nel nostro Paese. La loro intenzione sarebbe invece quella di raggiungere altri Paesi europei, passando proprio attraverso la Francia. Ma l’impresa è arrestata dai poliziotti in tenuta antisommossa pronti ad intervenire qualora la situazione dovesse diventare difficile.

Sul posto, oltre alla gendarmeria francese, sono presenti poliziotti e carabinieri dei commissariati di Ventimiglia e volontari della Croce Rossa. Alcuni stranieri hanno minacciato uno sciopero della fame per protestare contro la polizia francese. Tra Ventimiglia e Mentone è preannuciata un’altra giornata molto calda.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.