Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alla frontiera i “granchi d’argento” pregano con l’Imam arrivato da Nizza fotogallery

Ventimiglia. Cala la sera al valico di confine di Ventimiglia. Stanchi, col volto stravolto da giorni di snervante attesa è la preghiera con l’Imam arrivato da Nizza Samy Boubakri a sollevare quei migranti dalle anime perse che da giorni vagano lungo la scogliera della frontiera a pochi passi da Mentone.

Come tanti “granchi d’argento” i profughi che da una settimana sono qui al valico ora iniziano a pregare. E’ l’inizio del Ramadan, del digiuno, ma anche della speranza: ci sono più o meno 100 passi per superare la frontiera, ma un cordone della polizia d’oltralpe è pronto a cacciare tutti indietro, anche i giornalisti che vorrebbero fare solo il loro lavoro e raccontare questo dramma.

“Forse pregando il Corano ci aiuterà a superare il confine e a raggiungere i nostri parenti – dice Jamal, un giovane eritreo arrivato con altri compagni dopo un lungo viaggio – Non chiediamo nulla di più”. Hanno steso tappeti e rivolti verso la Mecca hanno preso in mano il Corano e iniziato a pregare.

Un momento per molti di loro “solenne” perché la presenza dell’Imam di Nizza li conforta. Molti di loro non aprono bocca da giorni e riescono solo a piangere dopo aver navigato tra mare in tempesta e scafisti che li hanno picchiati per infilarli come tante sardine in quei barconi dagli scafi precari.

Samy Boubakri ha deciso di lasciare Nizza e sta seguendo con apprensione quello che sta succedendo in questi giorni a Ventimiglia. “Sono qui al confine per portare un po’ di serenità e un po’ di sostegno – dice –  Sono venuto qui per dare tutto il mio supporto e distribuire ai migranti il Corano. Sono esseri umani, hanno il diritto di farsi una vita e quindi di avere un tetto sopra la testa. Faccio un appello alla calma: in questa situazione difficile l’attività della polizia e dei volontari è encomiabile. Ho la pelle d’oca perché quando ero piccolo mi hanno sempre parlato di solidarietà e invece oggi lo vediamo tutti non c’è alcun aiuto umanitario. Una situazione che non è normale. Va trovata una soluzione, perché questa gente non sa come ripararsi. Tutto questo è sconvolgente “.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.