Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sequestro di 66 kg di “bionde” di contrabbando al casello autostradale di Ventimiglia foto

Per queste ragioni i responsabili sono stati accompagnati presso la caserma di Ventimiglia per gli approfondimenti del caso, al termine dei quali i pacchetti rinvenuti e sequestrati sono risultati essere 3338, per un peso totale di 66,760 chilogrammi di sigarette

Ventimiglia. Il 26 maggio u.s. la Guardia di Finanza durante un servizio finalizzato al contrasto dei traffici illeciti svolto presso il casello autostradale di Ventimiglia, in uscita Stato, ha scoperto e sequestrato oltre 66 chilogrammi di tabacchi lavorati esteri di contrabbando e denunciato due soggetti.

Le Fiamme Gialle erano impegnate a controllare le autovetture, i camion e gli autobus che stavano uscendo dall’Italia e tra questi gli operanti decidevano di fermare anche un pullman partito da Milano e diretto a Barcellona.

I militari quindi, hanno deciso di  verificare se vi erano persone e/o bagagli da attenzionare in modo più approfondito; dopo pochi istanti l’attenzione degli operanti è stata attratta da quattro grandi trolley la cui proprietà è stata rivendicata da due soggetti, uno russo e l’altro romeno.

Una volta ottenuta la presenza degli interessati, i trolley sono stati aperti ed è così stato scoperto che al loro interno erano occultati numerosissimi pacchetti di sigarette russe tipo “corona” gialle e “Winston” rosse e blu, tutte di contrabbando.

Per queste ragioni i responsabili sono stati accompagnati presso la caserma di Ventimiglia per gli approfondimenti del caso, al termine dei quali i pacchetti rinvenuti e sequestrati sono risultati essere 3338, per un peso totale di 66,760 chilogrammi di sigarette.

Dell’accaduto è stata prontamente informata l’Autorità Giudiziaria che ha disposto la denuncia a piede libero di entrambi i soggetti per il reato di contrabbando di tabacchi lavorati esteri. Tutte le sigarette sequestrate verranno concentrate ad Adria (RO), presso i la Sezione distaccata dei Monopoli di Stato, per la successiva analisi e distruzione.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.