Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ex dipendenti del Casinò di Sanremo protagonisti per la rinascita della casa da gioco di San Marino foto

La storia racconta che negli anni '50 del secolo scorso un gruppo di “pionieri sanremesi" aprì a San Marino un Casinò ( detto kursaal) ora sede della gendarmeria e della televisione di Stato

San Marino. Ha aperto i battenti il quinto Casinò nel territorio della penisola italiana ma si trova all’estero. Il 9 maggio scorso nell’antica Repubblica di San Marino è stata inaugurata la casa da gioco sammarinese, sotto l’egida della “Giochi del Titano”, società a prevalenza di capitale pubblico e dove il direttore dei giochi è una vecchia conoscenza della città dei fiori, ossia Salvatore Caronia. Ebbene i sanremesi a San Marino non sono certo una novità, nell’ambito del gioco d’azzardo legalizzato. La storia racconta che negli anni ’50 del secolo scorso un gruppo di “pionieri sanremesi” aprì a San Marino un Casinò ( detto kursaal) ora sede della gendarmeria e della televisione di Stato.

A circa 65 anni di distanza un altro gruppo di sanremesi con a capo il direttore Generale della “Giochi del Titano” Salvatore Caronia ( ex Direttore generale del  Casino di Sanremo), sono tornati sulla rocca del Titano per dare luce ad un Casinò del tutto uguale agli altri quattro in Italia e conquistare una buona fetta del mercato giochi d’azzardo.

Caronia non è l’unico sanremese nell’antica Repubblica: ci sono infatti altri due ex dipendenti del Casinò di Sanremo come Giancarlo Saltarel e Claudio Vivaldi che fungono da consulenti e responsabili della formazione professionale di nuovi dealer, oltre a Giampaolo Cappiello sempre sanremese ma già da anni al servizio della “Giochi del Titano” come responsabile della Sala Poker (Tournament Director) e due dealer anch’essi Sanremesi come Riccardo Ghu e Daniele Capriolo.

Il 23 aprile scorso il Casinò aveva aperto i battenti con un torneo di poker con minimo garantito di 100.000 € e una partecipazione di quasi 1000 giocatori  e nelle settimane successive col minimo garantito di 200.000 € e un incremento di altri 600 ingressi dove hanno potuto accedere alle nuove sale di poker cash oltre alla sala giochi americani dove si può giocare a punto banco, black jack e ultimate poker.

Da San Marino lo staff sanremese esprime molto entusiasmo per questo avviamento della casa da gioco e sicuramente l’esperienza maturata nel casinò di Sanremo potrà far fare quel salto di qualità all’azzardo sammarinese. Inoltre San Marino per la sua posizione strategica a ridosso dell’appennino tosco-emiliano e a due passi dal mare e divertimenti di Rimini, può catalizzare quel turismo del gioco che ha sempre scelto Venezia, Campione, i casinò svizzeri e sloveni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.