Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alla scuola media “Dante Alighieri” la presentazione del libro di Donatella Alfonso “Fischia il vento”

"U Megu", il medico, era il nome di battaglia di Felice Cascione, nato a Porto Maurizio (Imperia) il 2 maggio 1918 e morto in uno scontro con i fascisti sulle montagne del cuneese

Sanremo. Nell’ambito del progetto “Leggere è bello”, le classi terze della Scuola media “Dante Alighieri” del comprensivo Sanremo Centro Ponente, incontreranno il giorno 28 maggio la giornalista di Repubblica e scrittrice Donatella Alfonso autrice del libro su Felice Cascione, autore de “Fischia il vento”.

“U Megu”, il medico, era il nome di battaglia di Felice Cascione, nato a Porto Maurizio (Imperia) il 2 maggio 1918 e morto in uno scontro con i fascisti sulle montagne del cuneese nel 1944. Questo libro racconta la sua storia – gli studi di Medicina e l’adesione al Partito comunista, lo sport e la scelta di unirsi alla Resistenza – insieme alla storia della canzone che scrisse pochi giorni prima di essere ucciso. “Fischia il vento”, un simbolo della lotta partigiana, venne composta da Cascione come canto popolare sovietico Katjusa, suggerito dal partigiano Ivan, che era tornato dalla campagna di Russia. Dopo la morte di Felice, la canzone inizia a diffondersi, fino a diventare un inno cantato per la Resistenza.

Donatella Alfonso racconta poi il successo della canzone dopo la guerra, le polemiche sull’origine del testo e la visita di Camilo Guevara March, il figlio del Che, sul luogo della morte dell’eroe partigiano.

La canzone, “Fischia il vento”, ha ispirato molti musicisti e ha accompagnato, con le sue parole, le battaglie per la libertà e la giustizia.

Gli alunni hanno lavorato sul testo della canzone e porranno alla giornalista alcune domande preparate sul protagonista amato da Calvino e sulla Resistenza nell’Imperiese.

Donatella Alfonso, giornalista del quotidiano La Repubblica ha scritto “Animali di periferia. Le origini del terrorismo tra golpee Resistenza trafita” (2012), “CI CHIAMAVANO LIBERTA’.PARTIGIANE E RESISTENTI IN LIGURIA.1943-1945 (2012)

L’incontro era previsto per il 23 Aprile, giorno internazionale del libro e in vista del 70 ° anniversario della Liberazione, ma rinviato al 28 maggio per imprevisti dell’autrice.

FISCHIA IL VENTO:layout

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.