Quantcast

“Il cieco di Gerico: ricco di fede, libero dall’angoscia

Fai sapere al sofferente che tieni a lui e fagli sapere che lo ami con il vero amore di Cristo: se piange, piangi con lui e se soffre, soffri con lui

Più informazioni su

Hai presente la sabbia che scotta, ma non t’importa perché sai che stai correndo verso il mare? Ecco, bisogna vivere così.

Gesù cammina verso Gerusalemme; dopo l’accoglienza festosa della folla, lo aspetta la passione, e ne è consapevole. E’ il momento per meditare sul nostro dolore. Quando la sofferenza ci colpisce, viene naturale chiederci il perché sia successo, e in quel momento non troviamo risposte perché c’è il buio davanti a noi.

Cerchiamo solo di liberarci dall’angoscia. Falliti i tentativi di evitare il patimento, è saggio affrontarlo per trarne degli insegnamenti utili a mitigare l’inevitabile malessere psicologico. Ciò alla luce della Bibbia, che afferma: la sera ci accompagna il pianto, ma la mattina viene la gioia (Salmo 30, 5).

Caro lettore che stai soffrendo, la luce del nuovo giorno spunterà: Dio l’ha promesso. Il dolore si attenuerà, non perché “il tempo guarisce le ferite”, ma perché sarai pronto ad accettarlo. Non siamo chiamati a dimenticarlo, ma a ricordarlo in modo diverso: io stesso l’ho sperimentato e ho ripreso a camminare con fede e a servire il Signore negli altri uomini.

Il Dio di consolazione ci consolerà e noi siamo in grado di consolare quelli che si trovano in qualunque afflizione (2 Corinzi 1, 3-4).

Ecco che anche tu puoi diventare Cireneo sulla via Dolorosa: immedesimandoti in chi si trova nella prova e incoraggiandolo. Fai sapere al sofferente che tieni a lui e fagli sapere che lo ami con il vero amore di Cristo: se piange, piangi con lui e se soffre, soffri con lui.

Preghiamo il Signore che ci dia il Suo cuore compassionevole per il Suo popolo sofferente. Noi, che abbiamo già affrontato la fornace dell’afflizione.

(di Henricus Otten)

Più informazioni su