Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I parmureli di Sanremo in Vaticano per la Domenica delle Palme e della Passione del Signore foto

Come vuole la tradizione, i 2000 parmureli inviati a Roma attraverso la Diocesi di Ventimiglia - San Remo e la cooperativa “Il Cammino”, sono realizzati ad uno ad uno dai maestri intrecciatori

Più informazioni su

Sono partiti ieri mattina i 2000 parmureli di Sanremo che raggiungeranno il Vaticano in occasione della“Domenica delle Palme”.
Si rinnova, così, per la Santa Pasqua 2015 e per la celebrazione del rito liturgico della Passione del Signore, la tradizionale consegna dei parmureli che verranno donati al Santo Padre Francesco, al Papa Emerito Ratzinger, ai Cardinali e Vescovi, oltre che ai fedeli presenti sul sagrato di San Pietro.

Il dono dei parmureli al Santo Padre è un’iniziativa promossa nel 2003 dal “Centro Studi e Ricerche per le Palme” e dalla Cooperativa sociale “Il Cammino” di Sanremo.

Come vuole la tradizione, i 2000 parmureli inviati a Roma attraverso la Diocesi di Ventimiglia – San Remo e la cooperativa “Il Cammino”, sono realizzati ad uno ad uno dai maestri intrecciatori che, con grande abilità, lavorano le giovani e bianche foglie di palma preparate per l’occasione.

Nel 2014, inoltre, il Comune di Sanremo ha riconosciuto ai parmureli sanremaschi l’iscrizione al registro De.CO – prodotto di Denominazione Comunale di Origine.
Con la domenica di rito che dà inizio alla Settimana Santa, si rinnova così l’antico privilegio di Capitan Bresca, ottenuto nel lontano 1586, di fornire alla Chiesa di San Pietro i palmizi per le celebrazioni pasquali.

Domenica saranno presenti a Roma il Sindaco di Sanremo Alberto Biancheri, Claudio Littardi del “Centro Studi e Ricerche per le Palme” e Sergio Oderda, presidente della cooperativa “Il Cammino”.

“La consegna dei parmureli si propone come un omaggio al Santo Padre e alle istituzioni ecclesiastiche – commenta il Sindaco Biancheri – ed è motivo di vero orgoglio per la città di Sanremo. Promuovere l’antica tradizione dell’intreccio e dell’invio dei palmureli in Vaticano è anche un’operazione di grande valore storico e culturale”.

IL PRIVILEGIO DI CAPITAN BRESCA
Il Capitano Benedetto Bresca si trovava a Roma in Piazza San Pietro, il 10 settembre del 1586, nel giorno in cui veniva innalzato l’obelisco egizio alto 26 metri e pesante 350 tonnellate, come disposto da papa Sisto V. Data la delicatezza dell’operazione, guidata dall’architetto Domenico Fontana, il Pontefice aveva ordinato ai numerosi fedeli presenti il silenzio più assoluto, minacciando pene severe per chiunque avesse trasgredito alla disposizione.

Sfidando il divieto, Bresca gridò «Aiga ae corde» (acqua alle corde, in dialetto ligure) nel momento in cui le funi che sostenevano l’obelisco, surriscaldate e troppo tese, sembravano sul punto di cedere. Capitan Bresca, uomo di grande tradizione marinara, sapeva bene che le corde di canapa quando vengono bagnate si raffreddano ed evitano lo sfilacciamento.

L’avvertimento del marinaio fu colto e il crollo dell’obelisco scongiurato. Sisto V anziché punire il capitano per la trasgressione, volle manifestargli la sua gratitudine e gli offrì di scegliere lui stesso il compenso per il provvidenziale suggerimento. Bresca chiese ed ottenne il privilegio, per sé e per i suoi discendenti, di essere il fornitore ufficiale delle palme pasquali al Pontefice.

Egli stesso trasportava direttamente da Sanremo a Roma i fasci di foglie imbarcate sulla ‘barca delle palme’. Quando l’imbarcazione giungeva alla foce del Tevere, innalzava sul pennone la bandiera della marina pontificia, vessillo papale che gli conferiva il diritto di precedenza sugli altri natanti, in virtù dell’importanza del privilegio ottenuto.

Una tradizione che vive ancora oggi con la consegna dei parmureli
L’antica tradizione della consegna dei parmureli si era arrestata negli anni ’70 e fino a quel tempo erano state consegnate solo foglie non intrecciate. Era poi a Roma che le monache camaldolesi intrecciavano i bianchi germogli per le Chiese di Roma.
Dal 2004 vengono invece consegnati in Vaticano i parmureli, foglie di palma già intrecciate in svariate forme artistiche, secondo la tradizione del ponente ligure.

Un’arte che ha saputo trasformarsi in passione, un insieme di tecniche e operazioni di intreccio che generazioni di famiglie hanno tramandato da padre a figlio. L’antico sapere viene oggi insegnato e divulgato anche attraverso scuole d’intreccio, che organizzano specifici corsi per l’apprendimento delle tecniche più tradizionali. I parmureli non hanno solo valore ornamentale ma anche un profondo significato religioso. Continuano, infatti, a portare un messaggio di gioia, di pace e di speranza, ricordando l’ingresso trionfale di Gesù nella città di Gerusalemme.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.